Flash news:   La città piange la prematura scomparsa di Carmine Parziale, trasferita l’alzata del Pannetto di stasera in chiesa Forte scossa in Molise, avvertita anche in Irpinia “Vie dello shopping”, le Fiamme Gialle sorvegliano i saldi: 16 attività sanzionate di cui 4 ad Atripalda Serie B, l’Atripalda Volleyball ha il suo cecchino: è Nicola Salerno il nuovo opposto Questione stadio e rimborso abbonamenti, Taccone scrive Marinelli e Preziosi si complimentano con De Cesare ma bacchettano il sindaco Ciampi attraverso una nota Stanotte e domani rifacimento della segnaletica orizzontale lungo Via Appia La Calcio Avellino s.s.d. iscritta in Serie D La Green Volley riparte da Vincenzo D’Onofrio: “Impossibile dire no alla competenza della famiglia Matarazzo” Dipendente “infedele” ruba rame dall’azienda dove lavora: denunciato dai Carabinieri

Era accusata di calunnia: assolta miss 30enne atripaldese

Pubblicato in data: 7/4/2018 alle ore:15:39 • Categoria: CronacaStampa Articolo

È terminata nel miglior modo possibile l’avventura giudiziaria di A.R., trentenne di Atripalda, già nota alle cronache irpine e nazionali per i suoi passati televisivi e per le sfilate di moda, oltre che per i numerosi riconoscimenti di bellezza conseguiti in giro per l’Italia nelle manifestazioni di bellezza a cui ha partecipato.
L’accusa era assai grave: calunnia. Infatti la bella Miss, madre di due gemelli, era accusata di aver falsamente denunciato lo smarrimento di un assegno dato invece in pagamento ad un vivaista di Avellino per il posizionamento del prato all’interno del giardino della sua villa. In particolare il vivaista, recatosi in banca per riscuotere l’assegno dell’importo di 2.500,00 euro, non era stato pagato in quanto il titolo era stato denunciato smarrito proprio da colei che, secondo l’assunto Accusatorio, lo aveva emesso, ossia appunto l’avvenente Miss.
La donna, difesa dal suo legale di fiducia, l’avvocato Rolando Iorio, e riuscita a dimostrare la sua totale estraneità ai fatti ed in particolare la circostanza che quell’assegno non era stato mai da lei emesso. Ragion per cui il Tribunale di Avellino, nella persona del Presidente Dott.ssa Matarazzo, ha mandato assolta la donna perché il fatto non sussiste. Il Pubblico Ministero aveva invece chiesto una condanna ad anni 2 di reclusione.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it