Flash news:   Addio al presidente onorario dei costruttori irpini Alessandro Lazzerini. Il cordoglio dell’Ance Autovelox sulla Variante, il sindaco difende la bontà della scelta: «convinti di aver effettuato tutte le procedure in modo corretto, continuerà a funzionare lì dov’è» Salvatore Antonacci si dimette da capogruppo della maggioranza dopo la mancata elezione alla Provincia. Giovedì resa dei conti in Consiglio Arresto del Capo dell’Ispettorato del Lavoro, la difesa di Gerardo Capaldo: «Nessun illecito, si farà chiarezza» Il Comune incassa un finanziamento da 260mila euro per la progettazione definitiva della scuola Primaria “Mazzetti” Corruzione in cambio dell’assunzione del figlio ingegnere: arrestato Capo dell’Ispettorato del Lavoro. Sequestrati due milioni di euro a due Spa “Progetto Gaia”, l’ex sindaco chiede lumi e denuncia: «i volontari svolgono mansioni che esulano dalle finalità del progetto, trattando anche dati sensibili» Vucinic: “è stata una partita dura” Ritorno alla vittoria per la Sidigas Scandone: ora al secondo posto Elezioni provinciali, Sinistra Italiana Atripalda chiede le dimissioni da capogruppo del non eletto Antonacci e del sindaco: “ha confermato di non avere alcun governo politico dell’Amministrazione che guida”

Assolta donna di Alvanite accusata di furto aggravato con mezzo fraudolento e di danneggiamento

Pubblicato in data: 25/10/2018 alle ore:23:50 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Assolta donna di Atripalda accusata di furto aggravato con mezzo fraudolento e di danneggiamento nel comune di Lauro.
Una donna di 48 anni, C.S. le sue iniziali, residente in contrada Alvanite, era accusata dal Commissariato di Polizia di Stato di Lauro di aver danneggiato le porte d’ingresso di un immobile sito nel comune di Lauro e di essersi introdotta al suo interno per rubare energia elettrica.
Il tutto attraverso la manomissione del contatore Enel e prelevando energia elettrica, collegandosi direttamente sull’alimentazione mediante un cavo elettrico, senza passare per il contatore, per la durata di un anno nel periodo compreso tra gennaio 2015 e febbraio 2016.
La 48enne era accusata di essersi impossessata impropriamente di energia elettrica per un importo di circa duemila euro.
La signora atripaldese, difesa dagli avvocati penalisti Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, è stata assolta con formula piena dal Tribunale di Avellino per non aver commesso il fatto dopo un lungo dibattimento durato per più di un anno, dopo aver ascoltato numerosi testimoni sia dell’accusa, tra cui due ispettori di Polizia, che della difesa.
Il giudice monocratico del Tribunale di Avellino, dottoressa Francesca Spella, ha accolto infatti in pieno la tesi difensiva degli avvocati Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi e ha assolto con formula piena, ex articolo 530 del codice di procedura penale, la donna riconoscendola estranea alla vicenda e ai fatti contestati.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un tuo commento

  • Inchiostro su carta

  • Il meteo

  • Polls

    In vista delle Elezioni Amministrative, su cosa dovrebbe puntare il programma del futuro sindaco?

    Mostra i risultati

    Loading ... Loading ...
  • Altri articoli in questa sezione

  • Gli archivi mensili


  • Quotidiani on-line

  • Statistiche Mercoglianonews.it