alpadesa
  
Flash news:   Lavori a singhiozzo nel fiume Sabato, la protesta dell’ex sindaco Andrea De Vinco: «vanno finiti al presto perché il corso d’acqua rappresenta l’immagine e la storia della città» Furti ad Atripalda, l’ex consigliere Luigi Caputo (Prc) attacca: “Ladri di biciclette e ladri di futuro. Amministrazione assente, evanescente e impalpabile” Us Avellino, Salvatore di Somma e Piero Braglia alla guida del nuovo progetto tecnico Cadono calcinacci ad Alvanite, le accuse dell’ex assessore Ulderico Pacia: “non è stato fatto nulla per il quartiere, i lavori per la sostituzione e riparazione delle grondaie furono appaltati nel 2017 e mai partiti” Dopo i furti alle auto e alle abitazioni arrivano i ladri delle biciclette ad Atripalda Prevenzione, ricordo e promozione territoriale: al Laceno il “Drive in Rosa 2020“ Prevenire i furti nelle abitazioni: i consigli dei Carabinieri del Comando provinciale di Avellino US Avellino, ecco il settore giovanile dei lupi Slitta l’assegnazione dell’edificio dell’ex Volto Santo di Atripalda Coronavirus, non si ferma la risalita dei contagi (+276) e 12 morti. In Irpinia nuovi positivi nell’alta valle del Sabato

Canile comunale a rischio chiusura, parla il sindaco Laurenzano

Pubblicato in data: 4/2/2010 alle ore:13:00 • Categoria: Attualità

canile-atripalda2Dopo il forte appello lanciato dal presidente provinciale dell’Aipa, Angela Luogo, sulla disastrosa situazione economica in cui versa il canile comunale di Atripalda (foto), parla il sindaco Aldo Laurenzano.
«Tutti i comuni  – afferma il primo cittadino – dovrebbero accollarsi le spese per il mantenimento dei cani in base al numero degli abitanti, così come succede in tutte le convenzioni intercomunali. Non è possibile continuare a scaricare gli oneri economici e di gestione si di un solo ente. Questa Amministrazione comunale è stata sempre sensibile alle problematiche legate al canile e lo dimostrano i recenti lavori di adeguamento che sono stati eseguiti, dopo l’ispezione dei Nas, ma occorre un cambiamento radicale nella gestione dell’area. Anche a me sta a cuore la sorte dei randagi, ma bisogna rendersi conto che i tagli governativi e le difficili situazioni economiche in cui versano tutti i comuni italiani impongono scelte e ritardi nell’attuazione di quanto ci prefissiamo giornalmente».
La struttura, rifugio da anni per gli amici a quattro zampe abbandonati per strada, vive infatti un momento di grande difficoltà economica che potrebbe comportarne la chiusura.
canile-atripalda1L’Aipa, Associazione italiana protezione animali, che si occupa della gestione, dallo scorso mese di agosto non riceve dal Comune la retta mensile di 3.750 euro necessaria per pagare i fornitori delle crocchette, acquistare i medicinali, sostenere i costi delle vaccinazioni e sterilizzazioni. Il canile, attivo dal 1989 in via Pianodardine, nei pressi dello stadio comunale Valleverde, potrebbe al massimo ospitare 150 cani, ma da sempre è in sovraffollamento. Circa 200 cani vivono tra box in buone condizioni grazie all’impegno dei volontari dell’Associazione che il più delle volte non rinunciano a tassarsi per far fronte alle spese. Da qui il disperato appello di Angela Luongo, presidente provinciale dell’Aipa.
«E’ una situazione drammatica – aveva affermato la Luongo -. Il comune non ci paga da agosto 2009: 183 cani da sfamare ed assistere ogni giorno, medicinali da comprare, veterinario da pagare per sterilizzazioni ed assistenza medica ai cani del canile ed a quelli su strada, materiali da comprare per pulizia, manutenzione ordinaria e straordinaria della struttura, solo chi vive all’interno può capire e condividere».
Nonostante gli oltre 60 cani affidati nel 2009, la casa rifugio atripaldese è in perenne affollamento a causa dei continui abbandoni: 95 i cani lasciati dinanzi al cancello nel 2009. Un sovraffollamento che fu alla base anche di un blitz nell’aprile 2009 dei carabinieri e Nas che sequestrarono la struttura per carenze igienico-sanitarie. La Luongo lamenta anche il mancato adeguamento da parte del Comune delle retta ai costi di gestione reali e della struttura alla normativa regionale. «L’amministrazione di Atripalda finora ha mostrato scarsa sensibilità – conclude il presidente dell’Aipa -. Questa situazione non può andare più avanti. Mi rivolgo al Prefetto invitandolo a darci una mano, sensibilizzando una conferenza dei sindaci che discuta seriamente dei problemi legati al randagismo e alla necessità di realizzare strutture adeguate sul territorio provinciale».

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
“La banda dei 13!” adotta un cucciolo al canile di Atripalda

Sono tredici cuccioli che sono stati abbandonati al Canile comunale di Atripalda. Sono bellissimi e sani, il canile della cittadina Read more

Canile municipale, l’appello di Ivano Bonazzi (Sel) a cittadini e Istituzioni: “Salviamo la struttura, solidarietà all’Aipa”

Ho sempre immaginato di scrivere il mio primo intervento su una problematica nuova per Atripalda , invece la realtà mi Read more

Sos neve al canile municipale, arrivano i Vigili Urbani con i mezzi di soccorso

Dopo i numerosi sos lanciati dall'Aipa l'attenzione dei soccorsi per l'emergenza neve si è spostata anche sul canile comunale. In Read more

Il canile di Atripalda a rischio chiusura, l’appello del presidente AIPA

Il canile muncipale di Atripalda, l'unica struttura pubblica della provincia di Avellino è in ginocchio. A lanciare l'allarme è la Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *