alpadesa
  
Flash news:   Riapre al pubblico, dopo mesi di chiusura, il parco archeologico Abellinum ad Atripalda Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia

Gemellaggio, l’Irpinia chiama e Gallarate risponde

Pubblicato in data: 18/2/2010 alle ore:13:22 • Categoria: Attualità

fumetto-gemellaggioUn gemellaggio con la città di Gallarate in nome delle origini storiche comuni. L’idea del primo cittadino atripaldese Aldo Laurenzano ha certamente incuriosito il collega Nicola Mucci, sindaco della cittadina in provincia di Varese di oltre 50mila abitanti, che, però, si riserva di riflettere sulla proposta. “Già in passato Gallarate avviò, – come si legge nell’articolo di Andrea Aliverti pubblicato sul quotidiano La Provincia di Varese e riportato di seguito integralmente  – un gemellaggio con una città francese e probabilmente, sotto la spinta del fermento culturale suscitato negli ultimi anni dai teatri e dal nuovo museo d’arte, potrebbe ambire ad affratellarsi con città più note”. In ogni caso la proposta, basata su studi effettuati da alcuni storici che dimostrano uno stretto legame tra le due città, sarà approfondita e valutata al fine di riscoprire e valorizzare le radici, gli usi e i costumi che hanno caratterizzato la storia di entrambe le città.

Di seguito l’articolo di Andrea Aliverti pubblicato sul quotidiano La Provincia di Varese da cui è tratta la vignetta a lato (in basso la pagina integrale).

Due Galli e tre fettucce, l’Irpinia chiama Gallarate: «Caro Sindaco, gemelliamoci». La richiesta è pervenuta nei giorni scorsi in una missiva inviata a Nicola Mucci da Aldo Laurenzano, primo cittadino di Atripalda, ridente località di undicimila abitanti a una manciata di chilometri da Avellino. Ma che c’azzecca Gallarate con la cittadina irpina il cui stemma è un braccio che impugna il bastone della giustizia ornato da tre fettucce pendenti? Un episodio risalente al ‘500, come riporta nella sua lettera il sindaco Laurenzano. Per la precisione nel 1564, quando il principe Domizio Caracciolo, feudatario di Gallarate, stipulò un accordo di permuta con il patrizio genovese Giacomo Pallavicino Basadonne, feudatario di Atripalda. Un vero e proprio scambio di territori sul modello di quanto si fa oggi con i calciatori: la città dei Due Galli passò di mano in cambio di Atripalda e 33mila ducati. Tutto regolarmente rogitato dal notaio Bernardino Brusatori di Fermo, come recitano le cronache del tempo.
La Provincia di VareseDa questi nobili riscontri arriva la richiesta del sindaco irpino di «discutere e valutare la possibilità di un gemellaggio tra i nostri due Comuni, all’insegna della riscoperta e della salvaguardia di radici, usi e costumi che hanno caratterizzato le nostre origini storiche». Il gallaratese Nicola Mucci ha esaminato la pratica venerdì scorso: «Il collega diAtripalda mi ha chiesto di poter visionare la documentazione in nostro possesso per approfondire i rapporti tra le due città sotto il profilo storico. Ho dato mandato di fargli avere il materiale». Fiorirà il gemellaggio? «Probabilmente ci incontreremo per conoscerci e parlarne ma è prematuro dire se andrà in porto» non si sbilancia il primo cittadino dei Due Galli. Il richiamo del legame con la comunità avellinese produrrebbe un curioso ed originale gemellaggio, anche se già altri Comuni della zona hanno avviato simili iniziative con cittadine del Sud Italia, basti pensare a Cardano o Fagnano Olona, in quei casi però stimolate dalle colonie di immigrati impiantate nella nostra zona. Di certo Gallarate avviò in passato un gemellaggio con una città francese, ormai dimenticato, e probabilmente, sotto la spinta del fermento culturale suscitato negli ultimi anni dai teatri e dal nuovo museo d’arte, potrebbe ambire ad affratellarsi con città più note.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Il Monumento ai Caduti di Atripalda, Raffaele La Sala: “Non è affatto una grande storia”

Da qualunque parte la prendiamo la storia del monumento (ed ora anche del restauro) non è affatto una grande storia. Read more

Amministrazione Spagnuolo, Lello La Sala (Piazza Grande): “Maggioranza tra crepe e lesioni interne che non rispetta Statuto e regolamenti”

Fumo e arrosto. Per ora è ancora tutto fumo... a tratti denso. Insomma neo sindaco e neo giunta cincischiano, tra buona Read more

Fissata il 22 novembre l’udienza del ricorso al Tar presentato da Emilio Moschella (lista Api-Alleanza per Atripalda)

Fissata per il 22 novembre l'udienza per il ricorso al Tar di Salerno presentato dal candidato sindaco di "Api - Read more

Aldo Laurenzano ha ufficializzato le dimissioni dal consiglio comunale. Al suo posto entra Massimiliano Strumolo

Aldo Laurenzano si è dimesso dal Consiglio comunale. L'ex sindaco ha protocollato questa mattina a palazzo di città le dimissioni Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *