domenica 21 aprile 2024
Flash news:   Cambia la modalità di raccolta dei rifiuti ad Atripalda I vigili del fuoco recuperano un cagnolino dal letto del fiume Sabato Arresti ex sindaco Festa, ecco la nota della Procura di Avellino La Procura dispone gli arresti domiciliari per il sindaco dimissionario di Avellino Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi

Fma, gli operai bloccano i tir Fiat arrivati a Pratola Serra

Pubblicato in data: 20/2/2010 alle ore:14:03 • Categoria: Attualità

fma-pratola-serraDelusione e amarezza tra i 400 operai in presidio permanente davanti allo stabilimento Fma di Pratola Serra all’indomani del tentativo da parte Fiat di riavviare la produzione di Cassino inviando 16 tir per caricare e portare via i motori prodotti in Irpinia. I lavoratori hanno così bloccato i camion in maniera pacifica, un’ennesima protesta per attirare l’attenzione su una delle questioni più drammatiche della nostra terra. Sul posto al momento dell’arrivo dei tir, gli uomini della Digos e il Questore di Avellino, Antonio De Iesu. Un atto avvenuto alla vigilia del consiglio provinciale che, lunedì mattina, si riunirà al Centro Sociale per discutere sulla vertenza a pochi giorni dall’incontro con l’azienda fissato per il 26 febbraio presso il Ministero dello Sviluppo a Roma. Tra i lavoratori non si è spenta la speranza.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *