alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Codice Rosso, al via nelle scuole corsi di formazione sulla Protezione Civile

Pubblicato in data: 27/2/2010 alle ore:02:34 • Categoria: Attualità

codice rossoAl via questa mattina il corso di informazione e di educazione sulla Protezione Civile nelle scuole primarie di Atripalda, per le classi IV e V elementari. L’iniziativa è partita dall’auditorium della scuola elementare De Amicis di via Roma.  A realizzarlo la Polizia Municipale di Atripalda.
L’incontro ha visto la partecipazione del sindaco Aldo Laurenzano, dell’assessore delegato alla Protezione Civile Maurizio De Vinco, dell’assessore Giacomo Foschi, del presidente della Misericordia Enzo Aquino, degli agenti di Polizia Municipale guidati dal Comandante Carmine Colantuoni e dei volontari della Protezione Civile.
Nel primo giorno è stato presentato il progetto “Codice Rosso” e, a seguire, è stato proiettato il film “Il ricordo di ieri, la solidarietà e il volontariato della città verso la popolazione dell’Abruzzo“.

Presentazione :

codice rossoLa Polizia Municipale di Atripalda dopo le tante esperienze avute, a partire dal 1997, nelle scuole di questa Città, nell’anno in corso decide di ritornare tra i banchi e tra gli alunni per educarli sulla Protezione Civile, con una didattica di base, tale da prepararli a fronteggiare le situazioni di pericolo senza farsi prendere dal panico ed essere nel contempo porta voci nelle loro famiglie attraverso le indicazioni recepite, per informarle di tutto ciò che l’Amministrazione Comunale sta preventivando in caso di eventi calamitosi.
La “Protezione Civile ” è l’insieme di tutte le strutture aventi il compito di tutelare l’integrità della vita, i beni, e l’ambiente dai danni o dal pericolo derivanti da calamità naturali o dovute all’azione umana.
Il sistema di Protezione Civile, per quanto efficiente ed organizzativo, non può raggiungere ed assistere tutte le persone colpite in un tempo ragionevolmente breve, perché non può essere dappertutto e perché gli eventi (soprattutto quelli sismici) possono verificarsi in maniera improvvisa ed imprevedibile, quindi si può verificare che possono trascorrere ore e talvolta giorni prima che le vittime possano ricevere un aiuto commisurato alle loro necessità.
Essere consapevoli dei possibili rischi presenti sul territorio dove viviamo, conoscere come e dove informarsi, sapere come organizzarsi per affrontare eventuali momenti di crisi, è sinonimo di vita molto più sicura.
manifesto-codice-rossoPer questo, si è ritenuto necessario, dopo l’approvazione del Piano di Protezione Civile Comunale, di proporre questa iniziativa di informazione e di educazione nelle scuole primarie e in particolare alle IV° e V° classi elementari, esponendo a questi “attori” del domani, nella forma di una didattica elementare, anche attraverso delle slide video, i rischi del territorio comunale, illustrando agli stessi i punti di raccolta, di ricovero, le aree di sosta per i soccorsi esterni, le aree di tendopoli e le aree per eli-soccorsi previste nel piano di Protezione Comunale tutto ciò al fine di porli nelle condizioni di fornire risposte precise, individuali ed autonome per fronteggiare situazioni di emergenza in attesa dell’arrivo dei soccorritori professionali.
Prepararsi, affrontare l’emergenza e sapere come comportarsi in quei momenti è lo scopo di questi incontri nelle scuole.
Per questo motivo, riteniamo di illustrare ai nostri cittadini, a partire dal più’ piccolo al più grande “il comportamento” nei primi momenti dopo l’evento in modo che ciascuno sappia come comportarsi per mettersi in sicurezza, per ridurre al minimo i disagi provocati dall’evento, te per diventare “il primo operatore di Protezione Civile ” riuscendo ad aiutare se stesso e gli altri.
E’ nostra intenzione continuare, nel tempo, il discorso sulla formazione, comunicazione ed informazione ed aiutare ogni cittadino a svolgere al meglio il proprio ruolo di Protezione Civile in quanto riteniamo che gli attori di questo sistema, siamo proprio noi stessi, perché siamo noi che dobbiamo sapere vigilare, saper avvisare, e collaborare con i soccorritori, applicando all’istante la tecnica dell’Auto-Protezione, la quale nel suo insieme adotta tutte le misure ed i comportanti finalizzati alla salvaguardia dell’incolumità psicofisica dell’individuo nella contingenza di una minaccia o di un evento distruttivo.
E’ attraverso questo livello guidato, presentato con questa iniziativa dal Comando di Polizia Municipale di Atripalda, che si è ritenuto di svolgere una specifica esposizione rivolta, principalmente, alla cosiddetta “fascia debole” della popolazione alla conoscenza dei rischi e delle misure da adottare prima, durante e dopo l’evento distruttivo, informando tutti sulle modalità di avviso e di allarme previste dai Piani, sui percorsi d’evacuazione e sulle aree sicure dove si potrà trovare riparo.
Si punterà a far conoscere bene i rischi che possono interessare il territorio dove si vive, ad illustrare la segnaletica usata nella protezione civile, nonché a far conoscere ;
a) Le informazioni contenute nel Piano Comunale di Protezione Civile;
b) Le comunicazioni relative all’attività di previsione e prevenzione della Protezione Civile;
c) Le informazioni indirizzate ai cittadini dalla Protezione Civile quando un’emergenza è in atto.
Una serie di consigli che potranno contribuire a minimizzare i pericoli nelle situazioni di emergenza ed a proteggere, con più efficacia, se stessi e le proprie famiglie.
Al progetto parteciperanno i volontari della Misericordia di Atripalda ed i volontari del Gruppo Comunale di Protezione Civile.

Aderiranno con una partecipazione attiva i seguenti operatori di P.M.
Carmine D’Agostino, Soccorso De Pascale, Sabino Picone e Nazareno Polcaro.
Lo stesso progetto potrà essere portato in visione nelle scuole dei comuni appartenenti al C.O.M.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Proteste per l’aumento dei ticket scolastici. L’assessore Foschi:«Dopo sedici anni aumenti necessari»

Aumenta la mensa scolastica ed il servizio scuolabus in città. La decisione della giunta Laurenzano di adeguare, dopo sedici anni, Read more

Educazione stradale, al via nelle scuole cittadine il progetto “Una strada…per amica”

E' iniziato il 12 aprile presso la direzione didattica di Atripalda - Scuola elementare "De Amicis" il progetto di educazione Read more

Il tenente Giannetta si presenta alla Città, la nota del consigliere La Sala (Piazza Grande)

Con un irrituale comunicato stampa (per la verità anche piuttosto tardivo) il tenente Domenico Giannetta, comandante della Polizia locale di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *