marted� 05 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Assunzioni all’Asa, scoppia una nuova bufera

Pubblicato in data: 21/5/2010 alle ore:10:00 • Categoria: Attualità

logoasaNuova bufera sull’Asa, Avellino Servizi Ambientali Spa, il braccio operativo del Cosmari Av1.
L’Asa è una societa’ in liquidazione, ma nonostante ciò continua ad assumere operatori ecologici con procedure di estrema urgenza.
Per anni l’Asa spa, società mista a prevalenza di capitale pubblico, ha gestito il servizio di raccolta e smaltimento per il comune di Avellino e in altre zone della provincia, tra i quali il comune di Atripalda. Il 31 dicembre prossimo cessera’ ogni attivita’ come dispongono le nuove norme sulla provincializzazione del servizio.
Eppure in questi giorni sono entrati in servizio cinque nuovi operai e un direttore generale.
Un provvedimento firmato ieri dall’amministratore delegato Sheila Chiusolo ha consentito ai nuovi operai di iniziare il lavoro cosi’ come per il coordinatore dei servizi, Emiliano Pescatore, che da socio privato diventa dipendente con un inquadramento di quinto livello.
Procedura anomala, affrettata e irrispettosa dei passaggi necessari la definisce il presidente del collegio liquidatore Walter Palermo,  che è il soggetto liquidatore del Cosmari Av1, che ha voluto denunciare l’episodio alla stampa e al’opinione pubblica.
Un bufera per porta il presidente Angelo Romano a dimettersi e Palermo ad azzerare il consiglio di amministrazione dell’Asa, revocando il consigliere di nomina pubblica D’Amore.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *