alpadesa
  
Flash news:   Protesta delle famiglie contro i doppi turni all’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda: ieri mattina una delegazione dal sindaco. Foto Estorsione continuata ai danni del titolare di un bar di Atripalda: avviso di garanzia e chiusura delle indagini per un ventottenne del luogo Elezioni Regionali, Maria Picariello referente di “Italia Viva Atripalda” ringrazia gli elettori: “per aver contribuito al grande risultato elettorale conseguito dal candidato Enzo Alaia” Elezioni Regionali della Campania: Alaia, Petracca, Petitto e Ciampi verso il Consiglio. Qui i dati dei più votati ad Atripalda Avvio anno scolastico, doppi turni da giovedì alla Primaria dell’Istituto comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda Fiume Sabato, ripartono i lavori in centro ma restano le esalazioni maleodoranti dal corso d’acqua Elezioni regionali: i Popolari di De Mita primo partito ad Atripalda sfiorando i mille voti, secondo Davvero e solo terzo il Pd Election Day, ecco l’esito del voto ad Atripalda per il Referendum Election Day, seggi chiusi. Ad Atripalda ha votato il 65,16% per il Referendum e il 58,17% per il rinnovo del consiglio regionale della Campania Riapertura delle scuole ad Atripalda, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «siamo nel caos»

Ricorso al Consiglio di Stato, rinviata la decisione sulla sospensiva: al momento stop al mercato

Pubblicato in data: 31/8/2010 alle ore:20:41 • Categoria: Attualità

mercato1Rinviata la decisione del Tar di Salerno (leggi qui l’esito della discussione) in merito al ricorso in appello presentato dal primo cittadino Aldo Laurenzano. La V Sezione del Consiglio di Stato presieduta dal Presidente Calogero Piscitello ha deciso per il rinvio sine die della sospensiva del Tribunale amministrativo di Salerno che obbligava il Comune a riaprire al traffico via San Lorenzo. La decisione sarebbe stata motiva dalla necessità di esaminare anche il decreto del Presidente del Tar con cui si impugna la delibera del consiglio comunale guidato dal sindaco Laurenzano con la quale il civico consesso ha deciso per il trasferimento della fiera settimanale tra Parco delle Acacie e via San Lorenzo. Il prossimo 23 settembre si procederà alla trattazione dell’istanza sospensiva in camera di consiglio. Intanto il sindaco ha preannunciato che incontrerà tra stasera e domani il Prefetto di Avellino Ennio Blasco per vagliare la possibilità di emettere un’ordinanza congiunta o del solo Prefetto che possa permettere lo svolgimento del mercato nonostante il no del Tar almeno per questo giovedì per motivi di ordine pubblico. «Da parte mia nessun trionfalismo – commenta a caldo l’imprenditore Attilio Strumolo titolare della ditta Prosidea e Alto Carburanti di via San Lorenzo – quando un’azienda privata è costretta a ricorrere alla magistratura amministrativa per le scelte dei propri amministratori è un fallimento del Comune. Sono a favore del mercato e disponibile al dialogo affinchè vengano rispettati i bisogni e i diritti di tutti, aziende e commercianti magari sfruttando suoli pubblici inutilizzati e non ostacolando le attività imprenditoriali cittadine. Il Comune dovrebbe pensare a un dialogo invece che arroccarsi su sterili e dispendiose questioni giuridiche». «E’ intollerabile come si possano favorire gli interessi del singolo imprenditore a discapito di quelli della collettività, dei commercianti e delle fasce più deboli della società – dichiara Laurenzano – resto sereno rispetto all’operato della magistratura amministrativa anche se devo ammettere che gli ultimi provvedimenti mi hanno lasciato alquanto sorpreso per tempi e per la mancanza di motivazioni organiche e specifiche».
Domani mattina, molto probabilmente, il sindaco potrebbe convocare ad horas una conferenza stampa.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *