alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, meno di 200 nuovi contagi ma i morti sono 88 Tamponi Us Avellino: sinergia tra club e Clinica Montevergine Ultimo giorno di scuola, il gruppo civico “IDEA Atripalda” propone di viverlo all’aperto Addio alla docente Lina Limongelli, cordoglio e commozione in città nel ricordo di Lello La Sala Stadio “Partenio-Lombardi” sanificato, da oggi i lupi riprendono gli allenamenti Niente mercato riaccorpato oggi a parco delle Acacie: il sindaco dispone la sospensione della fiera fino al 10 giugno. Peppino Innocente (Confesercenti): «Ci auguriamo che le cose non vadano per le lunghe» Coronavirus, il Consorzio dei Servizi Sociali A5 di Atripalda dona mascherine ai sordomuti irpini. Foto Coronavirus, si avvicina il contagio zero in Campania: uno solo il positivo oggi. In irpinia nessun contagio Coronavirus, oggi finisce il lockdown in Italia: 71 le vittime registrate nelle ultime 24 ore Parte lo screening epidemiologico per titolari e dipendenti delle attività commerciali di Atripalda, il sindaco: “il costo del primo test per ogni negozio è a carico del Comune, per gli altri prezzi agevolati”

Ricorso al Consiglio di Stato, parla l’imprenditore Attilio Strumolo

Pubblicato in data: 1/9/2010 alle ore:14:27 • Categoria: Attualità

attilio-strumoloEgregio direttore,
in considerazione delle ultime querelle giudiziarie tra il gruppo imprenditoriale cui appartengo e l’Amministrazione Comunale di Atripalda, mi preme sottolineare alcuni aspetti che ritengo fondamentali. Prima di tutto si chiarisca che nella giornata del 31/08 u.s. il CONSIGLIO di STATO HA RITENUTO INAMMISSIBILE L’APPELLO PROPOSTO DAL COMUNE DI ATRIPALDA TANTO È VERO CHE NON HA CONCESSO LA SOSPENSIVA INVOCATA NEL MESE DI LUGLIO AVVERSO L’ORDINANZA N. 686/10 CON CUI IL T.A.R., DANDO RAGIONE AI RICORRENTI, IMPONEVA AL COMUNE DI TROVARE SOLUZIONI ALTERNATIVE PER L’ALLOGGIO DEL MERCATO ENTRO IL 31/08/2010. CONSEGUENZIALMENTE IL PRESIDENTE DI SEZIONE DEL CONSIGLIO DI STATO HA CANCELLATO DAL RUOLO L’ISTANZA CAUTELARE CON ADESIONE DELLO STESSO COMUNE DI ATRIPALDA.
IL COMUNE, A SEGUITO DI QUESTO RESPINGIMENTO, DI FATTO NON HA ALCUN TITOLO PER CONSENTIRE L’ESPLETAMENTO DEL MERCATO NÉ IN VIA SAN LORENZO NÉ IN PARCO DELLE ACACIE, AVENDO EFFETTO GIURIDICO IMMEDIATO I DUE DECRETI PRONUNCIATI DAL T.A.R. IN DATA 20/08 U.S. CHE ANNULLANO LA DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 31 DEL 23/11/2009 (RELATIVA ALLO SPOSTAMENTO DEL MERCATO DA C.DA SANTISSIMO A VIA SAN LORENZO-PARCO DELLE ACACIE) E L’ORDINANZA DI CHIUSURA AL TRAFFICO N. 7345/10 DEL 27/05/2010, CONFERMANDO TRA L’ALTRO L’ORDINANZA 686/10.
Pertanto si sappia che lo svolgimento del mercato nei prossimi giovedì costituirà GRAVE VIOLAZIONE DI LEGGE di cui dovranno rispondere tutti coloro i quali eventualmente la consentiranno.
Chiarito questo tengo a precisare che è dal lontano mese di Settembre, periodo in cui si erano avute le prime avvisaglie di uno spostamento della fiera settimanale in via San Lorenzo, con relativa chiusura al traffico della stessa, che il sottoscritto ha più volte sollecitato l’Amministrazione Comunale a porre in essere soluzioni alternative per impedire la chiusura al traffico veicolare; ciò al fine di consentire lo svolgimento della fiera, COME È GIUSTO CHE SIA, non arrecando danno economico alle aziende del posto. In particolare il gruppo che rappresento aveva dato la disponibilità, prima di adire la dispendiosa strada giudiziaria (onerosa tra l’altro anche per l’Amministrazione), a realizzare A PROPRIE SPESE gli interventi di ampliamento delle aree limitrofe alla carreggiata di Via San Lorenzo, per consentire l’alloggiamento degli ambulanti che ora occupano la strada. Si sgombri quindi il campo da quelle voci false e tendenziose che tentano di far passare indegnamente i ricorrenti come i carnefici del mercato settimanale. La vicinanza ai colleghi mercanti è assoluta ed incondizionata e se oggi è a rischio il regolare svolgimento della fiera non lo si deve alla parte che rappresento. La disponibilità al dialogo non è mai venuta meno neanche quando i primi pronunciamenti del tribunale amministrativo vedevano favorite le aziende ricorrenti; purtroppo, con ostinazione inspiegabile, l’Amministrazione Comunale ha ignorato gli appelli volti alla mediazione continuando a perseguire senza indugio la strada giudiziaria. Le imprese che rappresento operano sulla zona da circa 20 anni (45 unità lavorative nel comprensorio) ed hanno il sacrosanto diritto a che la pubblica amministrazione operi scelte che concilino gli interessi generali e quelli privati senza arrecare danno a chi offre occupazione e sviluppo nel paese. Spero che in queste ore prevalga quel tanto auspicato buon senso che purtroppo finora è mancato.

Attilio Strumolo
in rappresentanza di Prosidea Spa ed Alto Carburanti Srl

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Caos mercato, l’irruzione degli ambulanti nella sala consiliare e l’incontro di una delegazione con il sindaco Laurenzano. Guarda il Fotoservizio 2

Atto di forza da parte dei commercianti del mercato del giovedì. Questa mattina, dopo aver lasciato i propri camion parcheggiati Read more

Caos mercato, gli ambulanti assediano per protesta il Comune. Momenti di tensione stamattina. Guarda il Fotoservizio 1

Momenti di tensione questa mattina al Comune di Atripalda per l'assedio dei commercianti ambulanti. Ha rischiato di trasformarsi in dramma Read more

Caos mercato, “Prosidea” rinuncia alla discussione al Tar di Salerno fissata per domani. Tutto si gioca al Consiglio di Stato

Nessuna discussione domani mattina dinanzi al Tar di Salerno sulla querelle mercato.  L'avvocato Marenghi, difensore delle aziende "Prosidea Spa" e "Alto Read more

Caos mercato, domani nuovo sciopero degli ambulanti

Caos mercato, nuovo presidio degli ambulanti domani mattina nel giorno in cui doveva esserci il pronunciamento nel merito del Tar Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *