alpadesa
  
Flash news:   Lavori abusivi eseguiti in fondo archeologico di Atripalda, due persone denunciate dai Carabinieri Forestale Atripalda Volley, partenza lanciata: battuta 3 a 1 la Sacs a Napoli Giovedì 31 ottobre IX edizione del Premio giornalistico “Mimmo Castellano” Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale

Telepedaggio senza caselli sul raccordo Avellino-Salerno

Pubblicato in data: 20/1/2011 alle ore:14:34 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

raccordo-av-saSarà “free flow” il pedaggio sul raccordo autostradale che collega Avellino a Salerno. Lo realizzerà il Gruppo Atlantia chesi è aggiudicata l’appalto per il sistema di telepedaggiamento sui raccordi autostradali gestiti dall’Anas. Il bando internazionale da 150 milioni di euro prevedeva la costruzione di un sistema di riscossione del pedaggio su 880 chilometri di strade gestite da Anas, dalla Salerno Reggio Calabria al Grande Raccordo anulare di Roma, fino ad arrivare, in Irpinia, al raccordo autostradale Salerno-Avellino.
Pedaggiamento contestato dagli Enti locali, che ne mettono in discussione la legittimità e tentano in tutti i modi di bloccarlo.
telepedaggioLa gara prevede l’istituzione, per la prima volta in Italia, di un sistema ‘free flow’, cioè senza caselli: praticamente invece di fermare, con caselli e sbarre le auto, così come avviene con il Telepass, fa passare gli utenti sotto una sorta di arco di rilevamento (un po’ come avviene per il Tutor, che rileva la velocità), registra il pagamento, già fatto o da attuare, fotografa la targa dell’auto in modo da “pescare” gli eventuali furbi. Il sistema, già in voga in molti paesi europei, consente un notevole risparmio di costi e ambientale, dato che non prevede caselli, e una notevole flessibilità.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *