alpadesa
  
Flash news:   Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti” La formaggeria riapre a 24 ore dal raid, Luca: “Siamo forti, andiamo avanti come se nulla fosse” Esposto per i concorsi a premi in città, scatta la solidarietà bipartisan ad Atripalda

Telepedaggio senza caselli sul raccordo Avellino-Salerno

Pubblicato in data: 20/1/2011 alle ore:14:34 • Categoria: Attualità

raccordo-av-saSarà “free flow” il pedaggio sul raccordo autostradale che collega Avellino a Salerno. Lo realizzerà il Gruppo Atlantia chesi è aggiudicata l’appalto per il sistema di telepedaggiamento sui raccordi autostradali gestiti dall’Anas. Il bando internazionale da 150 milioni di euro prevedeva la costruzione di un sistema di riscossione del pedaggio su 880 chilometri di strade gestite da Anas, dalla Salerno Reggio Calabria al Grande Raccordo anulare di Roma, fino ad arrivare, in Irpinia, al raccordo autostradale Salerno-Avellino.
Pedaggiamento contestato dagli Enti locali, che ne mettono in discussione la legittimità e tentano in tutti i modi di bloccarlo.
telepedaggioLa gara prevede l’istituzione, per la prima volta in Italia, di un sistema ‘free flow’, cioè senza caselli: praticamente invece di fermare, con caselli e sbarre le auto, così come avviene con il Telepass, fa passare gli utenti sotto una sorta di arco di rilevamento (un po’ come avviene per il Tutor, che rileva la velocità), registra il pagamento, già fatto o da attuare, fotografa la targa dell’auto in modo da “pescare” gli eventuali furbi. Il sistema, già in voga in molti paesi europei, consente un notevole risparmio di costi e ambientale, dato che non prevede caselli, e una notevole flessibilità.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *