alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Abusi sessuali su minorenne: artigiano condannato a 4 anni

Pubblicato in data: 24/2/2011 alle ore:13:56 • Categoria: Cronaca

tribunale-generica-aula-bunker2Atti sessuali con una minorenne, condannato a quattro anni di reclusione un artigiano cinquantanovenne di Candida. Aveva abusato della ragazza, una quindicenne che aveva effettuato un periodo di apprendistato nella sua bottega: questa l’accusa che lo portò in carcere nel giugno scorso. Una vicenda che destò molto scalpore nella cittadina del Sabato. La giovane aveva chiesto da tempo ai familiari di poter frequentare quella bottega artigiana perché interessata al lavoro di restauratrice. Un rapporto di fiducia oltre che di interesse professionale alla base del permesso concesso dalla famiglia. Dopo alcuni comportamenti strani però, i genitori della ragazza si allarmarono, chiedendole spiegazioni. Momenti concitati che crearono forte tensione in un normale nucleo familiare, colpito da un temibile sospetto. Dopo la confessione, scattò la denuncia e le indagini da parte dei Carabinieri della compagnia di Avellino. Un’indagine scrupolosa e discreta che portò alla raccolta di vari elementi probatori da parte dei militari. Dopo le manette, il procedimento penale è partito spedito, grazie anche alla volontà dell’accusato, difeso dagli avvocati Anna Caserta e Italo Benigni, di chiarire bene e nei dettagli le contestazioni. Con la concessione degli arresti domiciliari, contestualmente l’avvio del rito abbreviato scelto dal cinquantanovenne artigiano per chiudere in tempi brevi la vicenda. La sentenza di condanna è arrivata ieri nel tardo pomeriggio, dopo una lunga camera di consiglio. L’accusa, rappresentata in giudizio dalla pm Salvatore, aveva chiesto che il restauratore fosse condannato a tre anni e sei mesi. Secondo le ricostruzioni degli investigatoti gli atti sessuali sarebbero iniziati quando la vittima non aveva ancora compiuto quattordici anni, periodo precedente all’arresto in pratica e circostanza che avrebbe aggravato la consumazione del reato. La difesa ha sempre respinto le accuse mosse contro il cinquantanovenne, presentando dettagliate indagini difensive. Quattro gli anni di condanna emessi dalla sentenza del gup Riccardi nei confronti dell’artigiano atripaldese. Gli avvocati difensori, Caserta e Benigni, aspettano di leggere la motivazione della sentenza per poi presentare dettagliato appello.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *