alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 247 contagi in Irpinia La Giunta Spagnuolo approva il progetto di fattibilità tecnico economica per i lavori di ristrutturazione del campo sportivo comunale “Valleverde” in erbetta sintetica. Il sindaco: “un intervento importante” Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare

Scippo Antica Abellinum, la nota della Cisl

Pubblicato in data: 15/5/2011 alle ore:20:57 • Categoria: Attualità

antica-abellinum6La CISL, da sempre, si è contraddistinta per il proprio operato che agisce non solo per rivendicare miglioramenti contrattuali ma anche perché pone sensibile attenzione su temi che apparentemente non hanno rilevanza sindacale.
E’ il caso della recente sentenza del TAR di Salerno che dispone la restituzione ai proprietari dei terreni sui quali insistono gli scavi dell’antica Abellium, in Atripalda.
Della questione il Coordinatore Nazionale CISL del comparto Beni Culturali, arch. Claudio Calcara, ha interessato, per scongiurare tale nefanda eventualità, il Presidente del Consiglio superiore per i beni e culturali e paesaggistici, prof. Andrea Carandini.
Da quello che risulta, il TAR ha annullato il provvedimento di acquisizione del terreno, adottato in data 25 febbraio 2009 dagli organi periferici competenti, sulla base di una dichiarazione di illegittimità costituzionale dell’Art 43 del T.U. che riguarderebbe gli espropri, pronunciata dalla Corte Costituzionale con sentenza n 293/10.
Il giorno 17 maggio alle ore 12 un commissario ad acta, nominato per eseguire la sentenza del TAR, restituirà i terreni in oggetto ai “legittimi” proprietari.
E’ vero che le sentenze, in generale, vanno rispettate, pur ritenendole incredibili e con ciò non si intende muovere critiche ma questo non costituisce un impedimento all’azione che il Ministro Giancarlo Galan deve mettere in campo per porvi rimedio.
Sapienti campagne di scavo, hanno reso possibile ricostruire la storia dell’insediamento e ciò non va dimenticato né tantomeno non considerato.
Ciò che meraviglia ancora è il contenzioso ancora in atto per opere edilizie realizzate proprio a ridosso dell’area archeologica e che oggi ne mortificano la pubblica fruizione.
Ancora maggiore stupore è scaturito dal fatto che il Ministero per i Beni Culturali non ha attivato tutte quelle procedure necessarie, atte ad evitare che tornasse all’uso privato tale importante testimonianza Archeologica.
Occorre ricordare che prima dell’intervento della soprintendenza, su tale area c’erano addirittura progetti per edificare immobili e, solo in virtù dell’azione di tutela della CISL FP Beni Culturali nazionale, si è scongiurato tale vandalico, imperdonabile scempio.
Pertanto la CISL ha ritenuto di portare all’attenzione del prof. Andrea Carandini tale vicenda per far si che l’argomento possa essere oggetto di discussione in occasione della riunione del 18 maggio con l’On Ministro e che lo stesso possa trovare le soluzioni idonee per assicurare definitivamente alla pubblica fruizione l’importante patrimonio e l’uso stesso dell’area archeologica.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *