venerd� 21 giugno 2024
Flash news:   Rissa al bar di via Appia: tutti assolti Estorsione e incendio di auto: affidamento in prova per atripaldese Convegno del Gruppo Archeologico La Civita presso la chiesa di San Nicola False dichiarazioni:processo da rifare per atripaldese Emergenza caldo, il Consorzio A5 attiva un numero verde Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci “Amarsi Ancora“: la nuova campagna abbonamenti dell’Us Avellino 1912 Presentata “L’Irpinia Corre”, la gara podistica che si tiene ad Atripalda domenica 23 giugno. Foto

Due edifici residenziali al posto degli ex capannoni De Angelis di via Roma

Pubblicato in data: 6/6/2011 alle ore:16:00 • Categoria: Attualità

ex-capannoni3Due edifici residenziali al posto degli ex-capannoni De Angelis di via Roma (foto) ad Atripalda. E’ questo il progetto che prenderà corpo grazie al Piano Casa approvato dalle Regione Campania,  realizzato dalla società «L.R. Legno Srl» titolare dei suoli. Termina così un lungo braccio di ferro che aveva contrapposto il privato con il Comune in un iter che ha attraversato ben due consiliature e segnato da osservazioni, pareri discordanti, ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato e forti scontri politici. Una lunga vertenza urbanistica e legale sulla quale ora sembra arrivata la parola fine.  Il complesso residenziale ha ottenuto il via libera dall’Utc. Il progetto prevede la costruzione di due edifici ciascuno di quattro piani per complessivi 48 appartamenti, di cui 16 di tipo sociale (alloggi ERS), con un insediamento abitativo previsto di circa 190 abitanti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *