alpadesa
  
Flash news:   Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino Consorzio dei Servizi Sociali A5, dopo l’elezione di Vito Pelosi parla Nancy Palladino: «Non c’era alcun accordo politico tra Pd e Iv, anzi se ci fosse stato io non ne ero a conoscenza» Coronavirus, sono 10.925 i nuovi contagi: mai così tanti dall’inizio della pandemia Coronavirus, il sindaco Spagnuolo tranquillizza i genitori degli alunni della Masi sottoposti a tampone: “i report parziali segnalano una negatività al covid-19” Coronavirus, dipendenti comunali sottoposti a test sierologico: tutti negativi

Scomparsa da giorni: ore di angoscia ad Atripalda per Margherita Cocchia

Pubblicato in data: 14/9/2011 alle ore:14:04 • Categoria: Cronaca

margherita-cocchia1Ore di apprensione ad Atripalda: da ieri non si hanno più notizie di una donna di 56 anni, Margherita Cocchia (foto) di contrada Alvanite.al civico 45. I suoi familiari sono disperati. La signora Rita, circa 60 anni, vedova, capelli biondi e occhi castani, è alta circa un metro e 60 centimetri, di corporatura robusta. Segni particolari: due grossi nei, uno sulla fronte l’altro sul mento. Al momento della scomparsa aveva una borsa nera di media grandezza e indossava pantaloni neri.

Ieri mattina, alle otto e trenta, la signora (che prestava servizio presso una casa al centro di Avellino) è uscita per andare al lavoro. Ma non si è mai presentata. Subito è scattato l’allarme. Le indagini dei Carabinieri di Atripalda sono partite questa mattina, a 24 ore dalla scomparsa. Un atteggiamento insolito, quello della signora Rita, che ha subito preoccupato e allarmato amici e parenti.

Creato su Facebook anche un gruppo per raccogliere notizie su chi abbia visto la signora. L’ultima volta che è stata vista, si trovava in piazza Macello.
Una persona sempre razionale ed amabile la 56enne atripaldese. Una madre modello anche quando undici anni fa ha dovuto far meno del marito Elio Basileo, morto prematuramente.
A lanciare un appello il figlio Stefano: “In famiglia è tutto tranquillo e non è successo niente che mi faccia pensare che ci sia un motivo o una spiegazione. Siamo molto preoccupati per questo allontanamento. Da ieri stiamo cercando ovunque e non sappiamo dove possa essere“.
A lanciare l’allarme la famiglia avellinese dove la signora Rita lavora. “Ieri mattina stranamente non si è presentata a lavoro, così ci hanno subito avvertito – conclude il figlio Stefano -. Ci siamo subito preoccupati, conoscendo mia madre è molto strano che non si è presentata a lavoro. Dopo la scomparsa di papà, con mamma c’è un legame molto forte. Anche per questo non riusciamo a spiegarci tutto questo. Mamma ti aspettiamo a braccia aperte”.
I familiari hanno stampato dei volantini con una sua foto, che stanno distribuendo tra Avellino ed Atripalda, nella speranza che quanti la vedano possano contattare i parenti allo 3473094316.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *