alpadesa
  
Flash news:   Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino

Ecco il documento del gruppo consiliare del PD

Pubblicato in data: 16/12/2011 alle ore:10:20 • Categoria: Partito Democratico

logo-pd1CHIAREZZA E RISPETTO DELLE ISTITUZIONI. AMORE PER LA CITTÀ!

Il Gruppo Consiliare del PD di Atripalda ha dovuto prendere atto che le ultime vicende dell’Amministrazione Comunale hanno costretto la nostra città in un clima di generale confusione e frammentazione, nonché di generica approssimazione nella individuazione delle cause e delle responsabilità sulle quali è maturata la crisi politica e amministrativa.
Perciò è utile ricordare che, nel Consiglio Comunale del 12 ottobre c.a., è stato il Gruppo Consiliare “Centrosinistra per Atripalda” (Troisi, Foschi, Guerriero e Di Pietro) a dichiarare chiusa l’esperienza politica nata nel 2007 e che, nell’ultimo Consiglio del 26 novembre c.a., è stata la convergenza tra opposizioni e “Centrosinistra per Atripalda” che ha prodotto la mancata approvazione del documento programmatico di fine legislatura, presentato dal Sindaco, con la conseguente sfiducia politica verso l’Amministrazione.
IL GRUPPO CONSILIARE DEL PD, CHE HA SEMPRE SOSTENUTO L’AMMINISTRAZIONE CON COERENZA E LEALTÀ, HA RIPETUTAMENTE INVITATO IL SINDACO A PRENDERE ATTO DI QUANTO ACCADUTO E A TRARNE LE CONSEGUENZE, RASSEGNANDO LE PROPRIE DIMISSIONI PER DOVEROSO RIGUARDO VERSO LE ISTITUZIONI E LA PRASSI DEMOCRATICA ED ANCHE PER PROVOCARE IL CONFRONTO POLITICO E VERIFICARE LA REALE AFFIDABILITÀ DELLE RAPPRESENTANZE CONSILIARI.
Questa chiara, semplice e rispettosa indicazione dei democratici di Atripalda e del Gruppo Consiliare del PD ha incrociato, purtroppo, l’incomprensibile dissenso del Sindaco il quale, anche con il suo ultimo documento del 15 dicembre c.a., continua a non voler prendere atto che questa Amministrazione non ha una maggioranza di riferimento evidente e definita.
I Consiglieri Comunali del PD vogliono sottrarsi a questi equivoci e a questo gioco allo sfascio della politica e delle istituzioni democratiche.
Per tale motivo, consapevoli della rilevanza di un tale atto, hanno deciso di rassegnare le dimissioni dalla carica di Consiglieri Comunali per distinguere le proprie responsabilità e restituire un contesto chiaro e coerente all’opinione pubblica cittadina, per ricomporre la frammentazione e ridare senso alla comunità, per recuperare l’iniziativa politica e accompagnare la ripresa del confronto e della partecipazione con i cittadini e le forze politiche democratiche di Atripalda sul progetto politico e programmatico del Partito Democratico.
Il nostro sacrificio è un atto d’amore verso la città perché le nostre dimissioni non comportano il commissariamento dell’Ente in quanto il Sindaco, se intende proseguire sulla sua strada, può attivare le procedure di surroga.

I Consiglieri Comunali del PD di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *