domenica 16 giugno 2019
Flash news:   Abellinum Pride, marcia arcobaleno di festa e denuncia: sfilano in duemila. Il sindaco di Atripalda: «un passo in avanti per abbattere i muri della solitudine e dell’indifferenza». FOTOSERVIZIO Abellinum Pride, le madrine Eva Grimaldi e Imma Battaglia: «ci vuole coraggio in provincia, siamo qui per far progredire il nostro Paese dove manca una legge contro l’omofobia». FOTO Atripalda Volleyball, a lavoro per programmare la prossima stagione di serie B Scontro in Consiglio sul Rendiconto 2018 in rosso, sindaco nel mirino dell’opposizione. Mazzariello: “rimetta la delega sul Bilancio” e Landi: “ennessima diffida prefettizia che danneggia l’immagine dell’Ente mentre primo cittadino e assessore Urciuoli nei comuni di dipendenza lavorano per non prenderne”. FOTO Cambio di denominazione societaria: da Calcio Avellino SSD a.r.l a Unione Sportiva Avellino 1912 s.r.l. Alla festa di Sant’Antonio appare un topo in piazza Umberto. FOTO Tanti fedeli ieri alla processione di Sant’Antonio dopo l’omelia del parroco “barricadero” Don Fabio. Stasera sul palco bottari e il comico Giuffrida. FOTO Chiudono negozi per la crisi e protestano i residenti, piazza Cassese a rischio desertificazione Consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica, anche Atripalda premiata Così non va – Buche, dislivelli e asfalto colabrodo in via Scandone, via Di Ruggiero e via Capozzi. FOTO

Pd, l’ex sindaco scrive alla segreteria provinciale del partito per superare l’impasse cittadino

Pubblicato in data: 23/1/2018 alle ore:18:51 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

Pd, l’ex sindaco scrive alla segreteria provinciale del partito di via Tagliamento per superare l’impasse cittadino e chiedere il congresso cittadino per dare una guida ai democrat atripaldesi.

Ecco di seguito la lettera:

Alla Segreteria Provinciale del PD di Avellino C.A. Gent.mo On. David Ermini
A mezzo mail: pdavellino@mail.com

I sottoscritti tesserati del circolo PD di Atripalda comunicano quanto segue:
Il predetto circolo è stato retto per quasi due anni da un direttorio formato da tre giovani in seguito alle dimissioni dell’allora segretario ing. Gerardo Malavena.
Orbene, una quindicina di giorni fa, due membri dell’innanzi citato direttorio si sono dimessi e di fatto, senza voler entrare nel merito della questione, si naviga a vista, senza alcun punto di riferimento istituzionale, senza il minimo barlume di attività politica ed in totale assenza di incontri non solo tra gli iscritti, ma soprattutto con la cittadinanza.
Come ben si sa, il PD di Atripalda, a voler usare un eufemismo, vive una condizione assolutamente contraddittoria e spuria.
Infatti, una parte degli attuali iscritti ha sostenuto e sostiene l’attuale amministrazione comunale, un’altra componente, invece, rappresenta la minoranza e quindi l’opposizione in seno al Consiglio comunale di Atripalda.
Pertanto, in virtù di queste brevi considerazioni, che di sicuro non sfuggono agli organi provinciali, ritengono che sia assolutamente improcrastinabile la convocazione dell’assemblea degli iscritti, affinché venga democraticamente eletto un segretario che possa, in primis, essere espressione ecumenica dell’intero partito, e che possa, inoltre, in una fase attualmente molto delicata, rilanciare il partito ad ogni livello ed al tempo stesso farlo riappropriare delle funzioni e dello status che un partito di ispirazione democratica, popolare e riformista deve assolutamente avere.
Sicuri dell’accoglimento delle presenti richieste, con l’occasione inviano distinti saluti
Atripalda 18.01.18

Tesserati del circolo PD di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 2,75 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *