alpadesa
  
Flash news:   Giovedì ad Avellino la marcia di Libera contro le mafie Lotta alla povertà: cosa cambia. Il Consorzio A5 ne discute con l’Alleanza contro la povertà Lacrime, striscione e applausi per Vittorio Salvati. FOTO Vucinic: “ci attende un calendario fitto di impegni” Il presidente Biancardi ad Atripalda:«Sanità lontana dalla gente. C’è bisogno di confronto e dialogo con tutte le parti sul territorio». FOTO Serie B, non basta il cuore all’Atripalda Volleyball: Ottaviano passa 3 a 1 Seconda vittoria consecutiva per la Sidigas: battuta Reggio Emilia. Foto Oggi il giorno del dolore e dell’addio a Vittorio Salvati Il Centro Informagiovani comunale alla ricerca di un nuovo gestore: ecco l’avviso pubblico Dramma a Torino, i risultati dell’autopsia a chiarire le cause della morte di Vittorio Salvati. Domani sera la salma torna ad Avellino, i funerali a San Ciro domenica alle ore 16. Cordoglio e commozione

Clinica S. Rita, sulle tredicesime botta e risposta tra sindacati e proprietà

Pubblicato in data: 5/1/2012 alle ore:09:21 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

clinica-santa-ritaTredicesime non pagate alla Clinica Santa Rita (foto), botta è risposta tra sindacato e proprietà.
Prosegue l’offensiva dei sindacati contro la dirigenza della Clinica “Santa Rita” di Atripalda per il pagamento delle tredicesime del 2011. 
Massimiliano Taccone, esponente del Cda, ha assicurato che i bonifici siano già pronti per il pagamento del 50 per cento mentre il restante sarà saldato il prossimo mese. Ma il sindacato rincara la dose. In una nota congiunta, le segreterie provinciali di categoria di Cgil, Cisl, Uil e Ugl definiscono “priva di qualsiasi fondamento” la posizione della dirigenza, “non essendo in alcun modo comprovata l’effettiva corresponsione della tredicesima ai dipendenti“. Nel ricordare che le diatribe relative al taglio delle risorse “riguardino esclusivamente le associazioni datoriali, l’Asl e la Regione” sottolineano che “i dipendenti non hanno alcuna colpa, se non quella di aver svolto comunque il proprio lavoro”. Per finire, annunciano la volontà di portare la vertenza in Prefettura: “E’ necessario – concludono – che la protesta continui davanti alla massima autorità governativa locale, coinvolgendo gli stessi soggetti deputati alla stipula dei relativi contratti e convenzioni“.
Ma il consiglio di amministrazione della Casa di Cura S. Rita  replica e precisa che il Presidente del CdA, prof. Walter Taccone, ha disposto, nei tempi e modi legittimi il pagamento di quota parte della tredicesima spettante ai dipendenti. “Ai sindacati – c’è scritto in una nota – non è concesso dubitare della serietà dell’Azienda e delle dichiarazioni espresse dal suo rappresentante legale. Tali irresponsabili dichiarazioni ledono e danneggiano intimamente l’immagine e la dignità dell’azienda che continua a garantire e sostenere tutti i dipendenti senza esclusioni, malgrado il comportamento dei sindacati esterni che attuano politiche miopi e intransigenti tese a minare le fondamenta delle aziende che di converso sono fonte di occupazione e di benessere. Le RSA, convocate alle ore 15 del 04/1/2012, venute a conoscenza dei fatti, e consapevoli della realtà aziendale, hanno manifestato solidarietà allo stesso Presidente del CdA assicurando che mai vi è stato consenso su quanto erroneamente riportato e sull’intenzione di aderire a forme di protesta o dissenso propagandata invece sugli organi d’informazione. Le stesse RSA hanno semplicemente lamentato una non tempestiva comunicazione da parte dei dirigenti dipendenti della stessa Casa di Cura circa l’erogazione delle spettanze economiche”.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *