alpadesa
  
Flash news:   Passerella ciclopedonale sul fiume Sabato, al via da ieri i lavori conclusivi. Parlano sindaco e delegato: «Un ponte che aiuta a riqualificare il centro urbano di Atripalda». Foto Coronavirus, sono 28 i positivi in Irpinia di oggi su 311 tamponi effettuati Sicurezza cittadina, a 3 settimane dalla bomba carta ad un esercizio commerciale nota di “Idea Atripalda” Furti nei garages di via San Giacomo e altre zone di Atripalda: al via il processo Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia: “la giunta riveli i costi e perché sono spente” Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico Ciclismo: la litoranea salernitana fa da sfondo al primo raduno collegiale

Tra i superstiti della Costa due fratelli avellinesi pronipoti di una vittima del Titanic

Pubblicato in data: 17/1/2012 alle ore:16:03 • Categoria: Cronaca

naufragio-costa-concordiaLei è sopravvissuta al naufragio della Costa Concordia, il suo prozio, invece, non si salvò dal disastro del Titanic. Una delle tante storie che si intrecciano con la sciagura del 13 gennaio al largo dell’isola del Giglio coinvolge proprio una donna irpina. Valentina Capuano, 30 anni di Avellino, era tra i passeggeri della Concordia con il fidanzato, il fratello e la compagna. Nei primi momenti dopo la tragedia ha raccontato i suoi ricordi. I racconti di nonna Maria e le storie del prozio Giovanni, venticinquenne emigrato a Londra in cerca di lavoro e poi imbarcato come cameriere sul Titanic.
Uno strano destino che ha accomunato lontane generazioni e che sembra essersi accanito crudelmente contro una famiglia. Ma sarà un caso, come la bottiglia che non si è rotta durante l’inaugurazione della nave nel 2006 o la partenza, per qualcuno sfortunata, decisa per il venerdì 13. Superstizioni spazzate via dal dolore per i morti già accertati e per la rabbia per una tragedia che si poteva evitare.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *