alpadesa
  
Flash news:   I volontari dell’Associazione Alvanite al fianco dei pazienti dell’Hospice di Solofra Arrestato Vincenzo Schiavone proprietario della Clinica Santa Rita Nuovo main sponsor per la squadra di ciclismo A.S. Civitas di Atripalda Lo chef Alfredo Iannaccone alla ricerca di nuovi sapori Oggi 24 gennaio si festeggia San Francesco di Sales patrono dei giornalisti Incidente sotto la galleria del Monte Pergola: due feriti A Catania lupi sconfitti per 3-1 “Alvanite Quartiere Laboratorio”, l’Amministrazione affida incarico professionale per adeguare il progetto alla variata normativa energetica Vittoria in trasferta per la Scandone: battuta per 71-82 la Stella Azzurra Roma Autovelox, psicosi tra gli automobilisti per le nuove postazioni lungo il Raccordo mentre sulla Variante il Comune incassa altre sconfitte dal Giudice di Pace

Verso le Amministrative, la nota di Luigi Caputo (Prc-Fds)

Pubblicato in data: 28/3/2012 alle ore:15:05 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

palazzo-civico-comune-municipio-3Le ultime esternazioni del sindaco Laurenzano rappresentano un manifesto populista, del populismo peggiore, proprio di chi si sente investito di una missione e non di un mandato. Atripalda non ha bisogno di salvatori della patria e tale ruolo in ogni caso non può essere rivestito da Laurenzano, il cui bilancio amministrativo è fallimentare: una città ancora priva del nuovo strumento di programmazione urbanistica, con la qualità dei servizi ulteriormente regredita, la raccolta differenziata praticamente distrutta, le poche forme di partecipazione annullate (comitato di quartiere di Alvanite), il tutto con il corollario di alcune perle tragicomiche (come la vicenda del mercato settimanale e le sue appendici giudiziarie). Invece di parlare di questi elementi imbarazzanti, il sindaco, rocambolescamente giunto alla conclusione del proprio mandato, preferisce continuare ad atteggiarsi a vittima di un non meglio precisato “sistema dei partiti” che lo avrebbe utilizzato e abbandonato, laddove emerge, da parte sua, un uso quanto meno disinvolto delle istituzioni. A questo punto ci chiediamo e lo chiediamo in particolare ad alcune formazioni che si collocano a sinistra, come sia possibile rinunciare a perseguire un’alternativa a questo stato di cose per continuare a mantenere un’interlocuzione con un personaggio che, con il suo qualunquismo e il disprezzo verso i partiti come tali, rivela una cultura strutturalmente di destra, quanto di più lontano occorra ad Atripalda per risollevarsi dall’attuale situazione critica.


Luigi Caputo
PRC/FDS Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,33 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

8 risposte a “Verso le Amministrative, la nota di Luigi Caputo (Prc-Fds)”

  1. guernica ha detto:

    certo queste gravi dimenticanze non fanno parte neanche dell’opuscolo fotografico e propagandistico che il buon laurenzano ha distribuito in giro ad atripalda…certo è che bisognerebbe capire anche la posizione del pd che avendolo abbandonato anticipatamente sta facendo di tutto per coronare i suoi sogni, che evidentemente poco hanno a che fare con la sinistra, di alleanza con l’udc e compagnia bella, la situazione tutta è tragicomica resta da vedere cosa farà o cosa sarà il consigliere uscente luigi adamo. il paese è nel caos totale, la politica ha abbandonato le sue funzione in prove tecniche di assalto al palazzo, meno male che c’è la crisi altrimenti dovremmo pensare ad interessi reconditi…a pensare male a volte si indovina

  2. filippo ha detto:

    Caro Caputo, che i partiti siano comitati di affari e basta non c’è bisogno che lo dica Laurenzano perchè lo sanno tutti.
    Cortesemente, finitela di dire che accusare i partiti sia populismo…soprattutto quando è evidente ! L’evidenza delle cose è prendere atto dei fatti non è populismo!
    Che poi Laurenzano, che dai partiti – PD – ha attinto e ne abbia beneficiato e poi per convenienza ne prenda le distanze è un’altra cosa.
    Ma i partiti , tutti i partiti compresi il tuo, siano luoghi non di partecipazione democratica ma comitati chiusi ai cittadini ed alla democrazia è una triste realtà!

  3. per il ciclo ha detto:

    A VOLTE RITORNANO!!!

  4. cAPUTO AVEVI TACIUTO ha detto:

    FINO AD OGGI, PERCHè NON HAI PERSEVERATO???????

  5. giorgio ha detto:

    bravo Luigi Caputo.
    Questa analisi lucidissima e condivisibile la devi recitare ogni giorno ai tuoi amici ADAMO e Alberta De Simone, che insieme a Palladino, Tomasetti & company hanno prima candidato un soggetto palesemente inadeguato e poi lo hanno sostenuto per 5 lunghissimi anni, pur di restare incollati a gestire un pezzo di potere.
    La verità è questa, siete tutti colpevoli

  6. cantastorie ha detto:

    sparare su laurenzano è come sparare sulla croce rossa ma si capisce bene caputo perchè lo faccia sta inciuciando con il progetto atripalda adamo e la de simone si ricordi caputo che nella sua analisi manca la seconda parte quella che vede partecipi tutti coloro con cui lei oggi si appresta a dialogare laurenzano non ha governato da solo come mai ha dimenticato la seconda parte?

  7. Lupone70 ha detto:

    Si, ma vui chi siti?

  8. aldo ha detto:

    IATIVENNE A CASA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *