alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Controlli movida nel week end, tra le undici persone nei guai anche due giovani atripaldesi

Pubblicato in data: 3/9/2012 alle ore:14:49 • Categoria: CronacaStampa Articolo

carabinieri-notteNel corso del fine settimana appena trascorso, ad Avellino e nei comuni dell’hinterland, i Carabinieri della Compagnia di Avellino hanno dato corso a un ampio servizio coordinato disposto dal superiore Comando Provinciale di Avellino per il consueto controllo della movida in occasione del fine settimana.
I militari dipendenti dalle Stazioni di Avellino e degli altri paesi compresi nell’hinterland avellinese hanno eseguito numerosi posti di controllo lungo le principali arterie stradali, deferendo in stato di libertà 9 persone e segnalando alla Prefettura di Avellino altri 2 giovani per uso di droga.

A Mercogliano, un 40enne di Casavatore è stato contemporaneamente proposto per il foglio di via obbligatorio da quel centro abitato e denunciato in stato di libertà per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale. L’uomo, controllato poco prima della mezzanotte mentre si aggirava con fare sospetto tra le macchine parcheggiate lungo quella via A. D. Vaccaro, adirato per esser stato sottoposto ad un controllo da parte dei carabinieri, ha ripetutamente proferito nei loro confronti delle frasi irrispettose e ingiuriose. L’uomo, già pregiudicato, una volta portato in caserma, è stato compiutamente generalizzato e poi invitato a lasciare immediatamente il comune di Mercogliano.

Un ragazzo 20enne di Atripalda, invece, è stato denunciato a piede libero perché ritenuto responsabile del reato di ricettazione, in quanto gli accertamenti condotti sul propulsore del ciclomotore sul quale è stato controllato, hanno permesso ai militari dell’Arma d’individuarne l’illecita provenienza. Il numero di serie, infatti, apparteneva ad un motociclo che doveva essere in strada su Napoli, e non certo sotto la sella del suo ciclomotore.
A Cervinara, un uomo del posto, già sottoposto alla misura restrittiva degli arresti domiciliari, è stato denunciato giacché ritenuto responsabile del reato di evasione. L’uomo, infatti, non aveva preventivamente avvisato il competente comando dei Carabinieri, né alcun altro organo di polizia, del suo asserito spostamento verso l’ospedale di Benevento.
A San Martino Valle Caudina, sono state ben 3 le persone denunciate in stato di libertà dai carabinieri del posto, per la violazioni alle varie misure amministrative e giudiziarie da cui sono gravati. Un 45enne originario dell’hinterland vesuviano ma ormai domiciliato a San Martino Valle Caudina (AV), è stato denunciato per aver violato le prescrizioni dell’obbligo della firma presso la locale Stazione Carabinieri. Medesima sorte è toccata anche a un 50enne del posto, anche lui per aver violato le prescrizioni della firma presso la locale Stazione Carabinieri. Il terzo pregiudicato, invece, è stato denunciato per aver violato le prescrizioni derivanti dalla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza, in quanto sorpreso ad intrattenersi in compagnia di persone pregiudicate e che, come tali, aveva il divieto di frequentare.
E anche ad Atripalda, un 25enne del posto è stato denunciato a piede libero per aver violato la medesima prescrizioni derivante dalla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza. Anche lui, infatti, è stato sorpreso dinanzi ad un bar della cittadina del Sabato mentre si intratteneva con persone pregiudicate che, in quanto tali, aveva il divieto di frequentare.
A Solofra, un 25enne del posto è stato denunciato in stato di libertà perché ritenuto responsabile dei reati di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, guida in stato di alterazione psico-fisica e rifiuto di sottoporsi al relativo accertamento. Lo stesso, controllato nel corso di un normale posto di blocco, è stato sorpreso alla guida della sua autovettura in possesso di uno spinello parzialmente fumato e di altri 3,12 gr. di hashish che teneva in tasca. Richiesto di sottoporsi al test circa l’uso di droga alla guida, il giovane si è rifiutato, collezionando così le altre 2 denunce penali.
Ancora a San Martino Valle Caudina, i carabinieri hanno denunciato un minorenne del posto, di appena 16 anni, ritenuto responsabile del reato di guida senza patente, giacché sorpreso alla conduzione di un motociclo pur non avendo mai conseguito un titolo idoneo alla guida, anche per evidenti ragioni di età.
Nel corso del medesimo servizio, i militari operanti segnalavano alla Prefettura di Avellino quali assuntori di sostanze stupefacenti due giovani irpini, un 21enne di Avellino sorpreso in possesso di 2,0 gr. di hashish e un 20enne di Solofra (AV), sorpreso in possesso di 0,5 gr. di hashish.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *