alpadesa
  
domenica 20 ottobre 2019
Flash news:   Lesioni e cornicioni a rischio crollo, intervento dei Vigili del Fuoco con Utc e Polizia municipale a Palazzo Piarulli ad Atripalda.FOTO Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto

Css/A6, lunedì ad Atripalda al via il ciclo di incontri dedicati al progetto sperimentale “Orti Sociali”

Pubblicato in data: 22/4/2013 alle ore:09:46 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

orto-socialePartono lunedì 22 aprile 2013 i tre incontri di inaugurazione del progetto sperimentale Orti Sociali.
Gli incontri inaugurali si terranno rispettivamente secondo il seguente calendario: nel comune di Atripalda lunedì 22 aprile alle ore 16.00, nel comune di Montoro Inferiore martedì 22 aprile alle ore 10.00 ed alle 16.00 dello stesso giorno nel Comune di Montefalcione.
La tua Campania cresce in Europa questo lo slogan per un progetto di respiro europeo che vede nella realizzazione di orti sociali come luogo ideale dove intrecciare scambi con la natura, l’ambiente e la comunità.
I comuni di Atripalda, Montoro Inferiore e Montefalcione hanno messo a disposizione alcune aree a rischio di degrado che, grazie al progetto, sono state allestite ad orto sociale.
Gli obiettivi principali sono assicurare la realizzazione di politiche integrate di inclusione sociale rivolte alle fasce deboli attraverso la sperimentazione di progetti innovativi; destinare alcune aree di proprietà pubblica alla coltivazione di ortaggi, erbe aromatiche, fiori, con scopo di autoconsumo,così da incentivare l’attività ortocolturale nelle aree urbane, al fine di valorizzare i connotati sociali,culturali e ambientali; realizzare la riqualificazione urbana attraverso interventi di inclusione sociale, affidando il recupero delle aree degradate o incolte a soggetti vulnerabili o a rischio di esclusione sociale; creare una rete regionale degli orti di città in grado di assicurare l’inclusione sociale di soggetti svantaggiati attraverso l’auto produzione delle varietà agricole, educazione alimentare e ambientale, sviluppo della pratica del baratto tra i conduttori, recupero delle colture della tradizione, sviluppo dell’agricoltura biologica, promozione di nuove forme di socialità, formazione nelle tecniche orticole biologiche e all’ortoterapia, riabilitazione psicosociale,fisica e motoria;
Agli anziani coinvolti nel progetto verranno destinate ad uso gratuito i terreni allestiti e verrà dato loro tutto l’occorrente per curare gli orticelli che diventeranno punto di riferimento per diverse iniziative di socializzazione svolte dai partner del progetto. L’ADA (Associazione diritti Anziani) di Avellino, La Coldiretti, la Legambiente e l’associazione G.A.I.A..

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 3,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *