alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Vincenzo Aquino eletto nuovo coordinatore delle Misericordie della provincia di Avellino Atti vandalici ai danni dell’ex scuola Primaria “Mazzetti” di via Manfredi Addio alla blogger, giornalista e insegnante Tina Galante Messa in suffragio del priore Giovanni Iannaccone questo pomeriggio nella chiesa di San Nicola da Tolentino Emergenza climatica, assemblea pubblica ieri sera nell’ex sala consiliare: il Comune pronto ad accogliere la richiesta di Idea Atripalda. Foto Conclusi i lavori di rifacimento del manto stradale in via Manfredi e via Tufarole. I cittadini chiedono la sistemazione dei marciapiedi. FOTO Riammesse al gratuito patrocinio dopo quattro sentenze di proscioglimento emesse da quattro Gup diversi Inaugurata la statua di Padre Pio a via Marino Caracciolo. Foto

Sosta a pagamento in centro, il Tar di Salerno dichiara inammissibili le richieste di sospensiva presentate dalla cooperativa sociale di vigilini “Punto Lavoro”

Pubblicato in data: 2/5/2014 alle ore:23:50 • Categoria: CronacaStampa Articolo

grattini2Sosta a pagamento in centro, il Tar di Salerno dichiara inammissibili le due richieste di sospensiva presentate dalla cooperativa sociale dei vigilini “Punto Lavoro Arl”.
Con sentenze N. 830/2014 e N. 831/2014, depositate lo scorso 30 aprile, la Camera di consiglio del 10 aprile della Seconda sezione del Tribunale Amministrativo Regionale, composta dal presidente Luigi Antonio Esposito, dal Consigliere Estensore Giovanni Sabbato e dal Consigliere Referendario Maurizio Santise, hanno dichiarato inammissibili i due ricorsi presentati dalla ditta sociale “Punto Lavoro” avverso le ordinanze emesse dai Responsabili del III e IV Settore del Comune di Atripalda inerenti la sospensione dei servizi appaltati di gestione delle aree di sosta nel centro città, per difetto di giurisdizione del Giudice Amministrativo in favore del Giudice Ordinario. Le spese sono state compensate.
Il ricorso era stato promosso dalla cooperativa sociale, difesa dall’avvocato Gennaro D’Avanzo contro il Comune del Sabato, difeso dall’avvocato Silvio Garofalo.
La cooperativa sociale dei vigilini che gestiva la aree blu per la sosta a pagamento aveva infatti impugnato la decisione del Comune di sospenderla dal servizio a seguito della verifica effettuata dal Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Avellino che avevano riscontrato irregolarità contribuite ed omessi versamenti Inps ed Inail. L’udienza presso il Tribunale Amministrativo salernitano si era tenuta lo scorso 10 aprile, ma solo a fine aprile è stato depositato il pronunciamento del Collegio giudicante.
Da fine febbraio ben nove vigilini si trovano senza più un lavoro. Un fulmine a ciel sereno per i ragazzi della cooperativa di tipo B con difficoltà socio economiche ai quali l’ente pubblico aveva affidato da anni il servizio della sosta a pagamento disciplinato attraverso l’utilizzo e la vendita dei grattini.
Con il proprio legale, l’avvocato Gennaro D’Avanzo, avevano presentato ricorso al Tar contro le due ordinanze di sospensione comunale (una per la gestione delle strisce blu nel centro e l’altra per il parcheggio coperto della Villa comunale). La società ricorrente solleva, sotto distinti e concorrenti profili, i vizi della violazione di legge e dell’eccesso di potere, lamentando il difetto di motivazione e di previo contraddittorio, la violazione dell’art. 21 perché trattasi di sospensione sine die e non suffragata da gravi ragioni.
Da febbraio il Comune sta procedendo alla vendita dei grattini direttamente attraverso gli esercizi commerciali convenzionati con il controllo affidato ai vigili urbani. Il tutto in attesa di procedere all’installazione dei parcometri, che prenderanno il posto dei grattini, segnando così una rivoluzione nella sosta a pagamento. La giunta Spagnuolo ha già da tempo incaricato il IV Settore di predisporre il bando di gara per l’acquisto di 16 parcometri occorrenti alla gestione di circa 400 aree di sosta. L’acquisto avverrà subito dopo l’approvazione del Bilancio di previsione.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Sosta a pagamento in centro, il Tar di Salerno dichiara inammissibili le richieste di sospensiva presentate dalla cooperativa sociale di vigilini “Punto Lavoro””

  1. lidia ha detto:

    Il comune vince contro i deboli. Fa una causa per violare i diritti al lavoro di una cooperativa sociale (fatta di persone con disagio sociale). Il vero dramma ė che il TAR ha dato ragione al comune. Ha ragione Berlusconi quando afferma che la giustizia sta in mano ai folli. Sono super pagati e inattaccabili, é tutto da rifare

  2. Nappo Carmela ha detto:

    Sono d’accordo di mettere i parcometri qui Atripalda

  3. Gian ha detto:

    Caro sindaco vorrei solo dire una cosa visto che purtroppo ti ho anche votato,
    1. Ma sai oggi avere il piatto sulla tavola nn e facile per tutti…
    2.Vorrei ricordare che il mandato finisce e per le cose che sento in giro nn ha lunga vita in politica.
    3.Mi dispiace di cuore che lei nn ha rispettato i patti che na elencato nella compagnia elettorale.
    4.Sig. Sindaco ma chi sono questi che il comune ha preso come socialmente utili che distruggono furgoni di proprietà del comune e nn sua e ne della amministrazioni ma soldi nostri.
    Poi ci sono tante domande da fare nn solo a lei ma anche ai consiglieri di minoranza, messi lì solo per il cognome, e poi diciamo in tivù che il sig Gerardo Capaldo nn è stato un buon sindaco come la dott.sa Rega ma smettiamola per favore.
    Tengo a precisare che il mio nn è uno sfogo o una condanna ma solo domande da cittadino atripaldese,e poi di quello che fa il sig sindaco o l’assessori penso che a noi poveri lavoratori con le mani no come voi che lavorate con il cervello e tengo a precisare che nn voglio offendere nessuno perché so che da parte vostra c’è molto lavoro ma bisogna vedere se viene fatto bene.grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *