alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda Coronavirus, comunicato del Sindaco di Atripalda sui 31 contagiati in città: “la buona parte non presenta sintomi” Coronavirus, il contagio non si ferma: altri 4 casi ad Atripalda. In provincia sono 187 i positivi Farmer Market di Atripalda, ok alla gestione annuale Tamponi drive-in, l’Asl attiva 5 postazioni fisse in Irpinia

Furto al liceo atripaldese, bottino da dodicimila euro. FOTO

Pubblicato in data: 1/8/2014 alle ore:23:58 • Categoria: Cronaca

furto-liceo2

Hanno agito di notte per mettere a segno il colpo al liceo scientifico “V. De Caprariis” di via Appia.
Un colpo portato a termine in pochi minuti da veri professionisti che sapevano cosa rubare. L’azione è stata posta in essere intorno all’una di notte.
I ladri si sono introdotti nell’edificio scolastico dopo aver rotto la finestra di un bagno per disabili che sporge sul retro e posta al piano terra. Una volta all’interno dello stabile hanno immediatamente tranciato il sistema d’allarme, mettendo così fuori uso e disattivando i due sensori e la sirena d’antifurto.
liceo-scientifico-atripaldaPoi si sono catapultati al primo piano, nell’aula magna della scuola, dove all’interno di un armadietto blindato erano contenuti ben tredici computer portatili di ultimissima generazione acquistati dall’istituto grazie ad un Pon per l’attività didattica.
Dopo aver forzato con un cacciavite la serratura, sono riusciti a prelevare i notebook per un valore di oltre dodici mila euro. Poi sono fuggiti via. A lanciare l’allarme gli agenti della Cosmopol, ma al loro arrivo i ladri avevano già fatto perdere ogni traccia, fuggendo dal retro dell’edificio attraverso un noccioleto.
preside-liceo-berardinoQuando sono arrivati gli agenti dell’istituto privato i ladri si erano già dileguati– racconta il dirigente scolastico, professoressa Maria Stella Berardino -. Siamo molto dispiaciuti perché erano delle attrezzature specifiche per ragazzi. Così si privano gli alunni di poter lavorare bene in classe con attività multimediali. Certo se proseguirà questo trend di furti nelle scuole irpine non si potrà fare più nulla. Ora dovremo vedere come sostituirli, ma non sarà facile. Certo sono stati molto professionali. Abbiamo fatto regolare denuncia ai Carabinieri ma nutriamo poche speranze di ritrovare i computer portatili“.
Sul posto i Carabinieri della locale stazione che coordinano le indagini. Le ricerche sono immediatamente scattate con posti di blocco, ma purtroppo nessuno ha dato per ora esito positivo.
furto-liceo4Sull’episodio indagano le forze dell’ordine, che hanno eseguito anche un sopralluogo per repertare tracce utili alle indagini. Un nuovo episodio che va ad aggiungersi ad altri furti messi a segno nei giorni scorsi a danno di un computer della biblioteca comunale di Piazza Sparavigna, del Centro Formazione e Sicurezza di via San Lorenzo e del Frank Hotel.
Già ieri mattina era in azione una squadra di operai che ha provveduto a riparare il sistema d’allarme. La scuola tra l’altro è interessata da alcuni lavori per l’adeguamento alle norme energetiche ed il miglioramento dell’edificio scolastico con l’installazione di pannelli solari.
furto-liceo3

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *