alpadesa
  
Flash news:   Il Consorzio dei Servizi Sociali A5 apripista in Campania per la misura Itia, l’assessore regionale Lucia Fortini: “stanziati complessivamente 60 milioni di euro”. FOTO “Uno stadio in Rosa” per la gara dei lupi con il Monterosi Blitz di Alto Calore e Carabinieri a contrada Alvanite: scoperti 8 casi di furti d’acqua Sosta a pagamento, la selezione per i quattro ausiliari al traffico accende lo scontro politico È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti

Furto all’Unieuro di Atripalda: assolto cinquantasettenne

Pubblicato in data: 25/2/2017 alle ore:07:25 • Categoria: CronacaStampa Articolo

La crisi economica aveva indotto un tranquillo signore di cinquantasette anni di Atripalda a commettere una vera e propria sciocchezza.

Un colpo di testa, come lo ha definito il suo difensore, l’avvocato Rolando Iorio, che al termine di una serrata arringa è comunque riuscito a far assolvere il proprio assistito.

La vicenda risale al 12 agosto del 2011 quando i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dal Comandante Cucciniello, si sono portati nel negozio Unieuro di Atripalda, allertati dal Direttore del Centro commerciale il quale aveva segnalato l’avvenuto furto di un oggetto ed il fermo dell’autore.

Il cinquantasettenne, infatti, era stato scorto dal personale del negozio mentre, rannicchiatosi all’interno di un frigorifero in esposizione, aveva manomesso una scatola estraendovi un kit vivavoce, ossia un accessorio per il cellulare.

L’uomo, vistosi scoperto, aveva cercato anche di fuggire, uscendo dal negozio e dirigendosi verso la propria auto, ma inseguito da un commesso aveva desistito e, rientrato nel locale, si era proposto di pagare l’oggetto, del valore di poche decine d’euro, che veniva prontamente consegnato al Direttore del negozio.

All’arrivo dei Carabinieri il Direttore sporgeva regolare querela nei confronti della persona fermata che, perquisita, risultava occultare nei pantaloni anche un piccolo taglierino, di circa 10 cm, presumibilmente utilizzato proprio per aprire la scatola.

L’uomo veniva pertanto denunciato a piede libero e sottoposto a processo penale per il reato di furto aggravato con destrezza.

Ieri, in adesione alla tesi del suo difensore che ha evidenziato sia l’avvenuta restituzione dell’oggetto trafugato, sia il pagamento dello stesso, provato dal deposito in udienza del vaglia postale con il quale il cinquantasettenne aveva provveduto anche a pagare l’oggetto precedentemente restituito, il Tribunale di Avellino ha mandato assolto l’uomo per particolare tenuità del fatto.

Il Pubblico Ministero aveva chiesto una condanna a mesi 9 di reclusione e a 500 euro di multa.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *