alpadesa
  
Flash news:   Nuova centralina dell’Arpac per il rilevamento delle polveri sottili in via Pianodardine sul tetto della “Masi”, il sindaco: “richiesta al tavolo in Prefettura, no alla fonderia” I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Il Pd riparte ad Atripalda, l’assessore Palladino: «Stasera abbiamo dimostrato che non siamo pochi quelli che hanno a cuore la rinascita». FOTO Atto vandalico allla targa degli Scout, Antonio Evangelista: «Ci auguriamo che sia l’azione di uno sciocco, ma quella frase scritta fa male» Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni

Amministrative 2017, l’affondo di Giuseppe Spagnuolo (ScegliAmo Atripalda): “Del Basso De Caro ha smascherato il finto civismo del sindaco che non ha però il simbolo del Pd”. FOTO

Pubblicato in data: 5/6/2017 alle ore:15:30 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

«Un sottosegretario della Repubblica Italiana, un signore di Benevento è venuto a spiegarci che il sindaco uscente è suo amico, che secondo lui è stato un buon sindaco. Evidentemente l’eco delle gesta dell’amministrazione di Paolo Spagnuolo è arrivata addirittura fino a Benevento. E poi ci ha detto che è un sindaco del Pd. Bene, la sua venuta ha definitivamente smascherato la favoletta di Paolo Spagnuolo quando dice che è lontano e indipendente dai partiti. In realtà, il sindaco uscente questo ‘giro’ voleva farselo con il simbolo del Pd». Replica così da piazza Garibaldi il candidato sindaco della civica ‘ScegliAmo Atripalda’ Giuseppe Spagnuolo (Fotoservizio a cura di Mario D’Argenio).
Dal cuore del centro storico il consigliere comunale dell’Udc attacca il sindaco uscente accusandolo di cambiare continuamente partito: «E a dire il vero, spero anche che il sottosegretario Del Basso De Caro non rimanga presto o tardi deluso dal suo nuovo amico, perché in passato di ‘buoni rapporti’ il sindaco uscente ne ha consumati parecchi!».
Giuseppe Spagnuolo definisce ‘falsi messaggi’ le ultime esternazioni del sindaco uscente: «Cerca di affibbiare a noi delle etichette basate su schemi antichi, quelli con i quali lui continua a ragionare e a vedere la realtà. Secondo lui, la nostra lista sarebbe stata concepita da altri, per fermare la sua carriera politica. A parte che si intravede un velo di presunzione da parte sua, ma del nostro percorso e della nostra presenza due cose essenziali Paolo Spagnuolo non vuole proprio capire: noi siamo il risultato di un vero processo aggregativo nato dal basso, cosa opposta rispetto al suo modo di fare. E soprattutto, siamo qui, per rappresentare la città di Atripalda che vuole un altro sindaco, un sindaco diverso da lui. Un sindaco che deve occuparsi della città e che non deve pensare soltanto alla propria carriera politica».
Alla manifestazione pubblica di “ScegliAmo Atriaplda” non ha fatto mancare la sua presenza anche il cittadino onorario di Atripalda, Enzo Angiuoni: «Un nostro illustre concittadino che con la sua presenza ed il suo incoraggiamento, ci ha regalato una grande gioia. Siamo molto orgogliosi che in piena campagna elettorale non abbiamo avuto un incontro istituzionale, ma un incontro con un atripaldese vero, che ha il duplice pregio di portare il nome di Atripalda oltre i confini, e di continuare ad avere Atripalda nel proprio cuore e nei propri pensieri costantemente».
Ad ascoltare tutti gli interventi anche l’ex deputata e già sindaco della città Alberta De Simone. Tra il pubblico anche gli ex sindaci Gerardo Capaldo, Aldo Laurenzano e Andrea De Vinco.
Prima del candidato sindaco le proposte e le  idee di quattro candidati al Consiglio comunale della città di Atripalda: Mirko Musto, Anna De Venezia, Antonella Gambale e il più giovane della squadra, Costantino Pesca.
Poi la parola è passata al candidato sindaco Giuseppe Spagnuolo: «Questa sera abbiamo ascoltato giovani atripaldesi – ha affermato – che si sono presentati alla città con le loro idee, la loro voglia di mettersi a disposizione della propria comunità per migliorarne il futuro. Possiamo affermare con molta chiarezza e orgoglio che anche in periodi difficili ed incerti come quelli che stiamo vivendo, c’è chi non si arrende ai facili discorsi qualunquistici e disfattisti, ma prova a prendere in mano il futuro proprio e della propria comunità, promettendo nient’altro che impegno e dedizione».
«I miei candidati, i nostri canditati – ha ricordato il candidato sindaco di ‘ScegliAmo Atripalda’ – vi hanno raccontato quello che sarà l’impegno, gli obiettivi ed il modo di amministrare del nostro gruppo. Questa sera, io voglio parlare di altro, del resto è stato un fine settimana di visite importanti. Ieri si è svolto un incontro definito ‘istituzionale’ con l’arrivo di un sottosegretario della Repubblica Italiana, un signore di Benevento che credo sia venuto nella nostra città, per la seconda o terza volta nella sua vita». 

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 2,60 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

3 risposte a “Amministrative 2017, l’affondo di Giuseppe Spagnuolo (ScegliAmo Atripalda): “Del Basso De Caro ha smascherato il finto civismo del sindaco che non ha però il simbolo del Pd”. FOTO”

  1. Alessio ha detto:

    Che minestrone… la formazione delle vecchie glorie, ci mancava la De Simone.

  2. Sergio ha detto:

    Il listone dei Padrini e dei Pupari.

  3. Giove ha detto:

    La classe non è acqua..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *