alpadesa
  
Flash news:   “Avellino oltre lo sport”, anche quest’anno i disabili irpini fanno sentire la loro voce Un video per riflettere: “Sia sempre 3 dicembre” Coronavirus, mai tanti morti in un solo giorno in Italia: 993 e 23.225 positivi. In Campania 2.295 nuovi contagiati Coronavirus, su 141 nuovi positivi in Irpinia 4 contagi si registrano ad Atripalda Nuova ondata di furti nelle case: cresce la paura tra Atripalda, Cesinali e Aiello del Sabato Coronavirus, l’appello di una mamma al sindaco di Atripalda: «Non riapra le scuole!» “AvelliNoSmog, Centraline contro l’aria inquinata. Subito!”, al via la petizione lanciata da venti associazioni Buon compleanno al nostro fotoreporter Mario D’Argenio Auguri di buon compleanno all’imprenditore Vincenzo Iervolino Consiglio comunale saltato, il gruppo d’opposizione “Noi Atripalda” attacca: «Amministrazione negligente, superficiale e incapace» Viola l’ordinanza di affidamento condiviso delle figlie minori: assolta madre atripaldese

Mancata partenza del servizio doposcuola per i bambini di contrada Alvanite, la consigliera Maria Picariello e il gruppo “Noi Atripalda” interroga il sindaco

Pubblicato in data: 30/9/2017 alle ore:17:53 • Categoria: Politica

Interrogazione scritta al sindaco di Atripalda della consigliera Maria Picariello a nome del Gruppo consiliare di minoranza “Noi Atripalda” sulla mancata partenza del servizio di doposcuola per i bambini residenti a contrada Alvanite.

La sottoscritta consigliera comunale Maria Picariello, unitamente agli altri componenti del Gruppo consiliare Noi Atripalda, Fabiola Scioscia, Paolo Spagnuolo, Francesco Mazzariello e Domenico Landi
Premesso
– che negli anni passati è stata organizzata, presso i locali adiacenti la Chiesa di Padre Pio sita in c/da Alvanite, attività di doposcuola, a titolo gratuito, per i bambini ivi residenti, frequentanti la scuola elementare e la scuola media;
– che tale attività ricreativa, prestata anche dalla sottoscritta personalmente, insieme ad altri giovani cittadini atripaldesi ed insegnanti in pensione esclusivamente a titolo di volontariato, costituisce un appuntamento importante in quanto diretto a:
– offrire alle famiglie e ai bambini un supporto scolastico ed educativo;
– favorire l’apprendimento scolastico, la libera espressione della loro personalità, il diritto al gioco svolgendo attività collegate ai programmi scolastici, ma anche indipendenti da questi ultimi;
– contribuire allo sviluppo dell’autonomia organizzativa e di pensiero dei bambini;
– favorire l’integrazione e la socializzazione;
– stimolare il reciproco rispetto, la collaborazione, il dialogo, l’impegno e la responsabilità, favorendo la crescita di una cultura della solidarietà e della collaborazione nella società;
– valorizzare l’esperienza dei bambini, la loro visione del mondo, le loro idee sulla vita, in quanto patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale;
Considerato:
– che tale attività ha ottenuto grande consenso tra i bambini e le loro famiglie;
– che la richiesta dell’organizzazione di tale attività ricreativa è stata rivolta alla sottoscritta non solo quale consigliere ma anche come soggetto che ha partecipato attivamente alla precedente edizione;
– che tale attività richiederebbe costi molto contenuti per l’Ente
Interroga per avere risposta sul seguente quesito: quali sono i motivi ostativi alla mancata previsione ed organizzazione dell’attività di doposcuola, a titolo gratuito, per i bambini residenti a c/da Alvanite.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Mancata partenza del servizio doposcuola per i bambini di contrada Alvanite, la consigliera Maria Picariello e il gruppo “Noi Atripalda” interroga il sindaco”

  1. o ha detto:

    secondo me il doposcuola non e’ necessario solo chi se lo puo’ permettere lo potrebbe avere: non farebbe parte dell’istruzione obbligatoria: dopotutto non siamo in regime di comunismo ma di libero mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *