alpadesa
  
Flash news:   Seconda edizione della cinerassegna invernale “Agguattiti buono!”: domani sera la presentazione Avellino, il centrocampista Tomas Federico è un nuovo tesserato Vince la lista “Insieme si può” di Lia Gialanella al Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda per l’elezione della componente genitori nel Consiglio d’Istituto Estraggono 800 metri cubi di pietra dal fiume Sabato: la Forestale mette i sigilli L’Atripalda Volleyball batte Martina e consolida il settimo posto Oggi il Giorno della Memoria per non dimenticare la tragedia della Shoah Non basta Micovschi, finisce 1-1 col Picerno Torna nella chiesa la tela offerta in dono nuziale. Foto “Verità per Giulio Regeni”: a quattro anni dalla scomparsa restano ancora ombre Pista di pattinaggio per il Natale ad Atripalda, dopo le polemiche sui social per il contributo del Comune il gestore Sergio Argenio si difende

Mancata partenza del servizio doposcuola per i bambini di contrada Alvanite, la consigliera Maria Picariello e il gruppo “Noi Atripalda” interroga il sindaco

Pubblicato in data: 30/9/2017 alle ore:17:53 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

Interrogazione scritta al sindaco di Atripalda della consigliera Maria Picariello a nome del Gruppo consiliare di minoranza “Noi Atripalda” sulla mancata partenza del servizio di doposcuola per i bambini residenti a contrada Alvanite.

La sottoscritta consigliera comunale Maria Picariello, unitamente agli altri componenti del Gruppo consiliare Noi Atripalda, Fabiola Scioscia, Paolo Spagnuolo, Francesco Mazzariello e Domenico Landi
Premesso
– che negli anni passati è stata organizzata, presso i locali adiacenti la Chiesa di Padre Pio sita in c/da Alvanite, attività di doposcuola, a titolo gratuito, per i bambini ivi residenti, frequentanti la scuola elementare e la scuola media;
– che tale attività ricreativa, prestata anche dalla sottoscritta personalmente, insieme ad altri giovani cittadini atripaldesi ed insegnanti in pensione esclusivamente a titolo di volontariato, costituisce un appuntamento importante in quanto diretto a:
– offrire alle famiglie e ai bambini un supporto scolastico ed educativo;
– favorire l’apprendimento scolastico, la libera espressione della loro personalità, il diritto al gioco svolgendo attività collegate ai programmi scolastici, ma anche indipendenti da questi ultimi;
– contribuire allo sviluppo dell’autonomia organizzativa e di pensiero dei bambini;
– favorire l’integrazione e la socializzazione;
– stimolare il reciproco rispetto, la collaborazione, il dialogo, l’impegno e la responsabilità, favorendo la crescita di una cultura della solidarietà e della collaborazione nella società;
– valorizzare l’esperienza dei bambini, la loro visione del mondo, le loro idee sulla vita, in quanto patrimonio conoscitivo, valoriale e comportamentale;
Considerato:
– che tale attività ha ottenuto grande consenso tra i bambini e le loro famiglie;
– che la richiesta dell’organizzazione di tale attività ricreativa è stata rivolta alla sottoscritta non solo quale consigliere ma anche come soggetto che ha partecipato attivamente alla precedente edizione;
– che tale attività richiederebbe costi molto contenuti per l’Ente
Interroga per avere risposta sul seguente quesito: quali sono i motivi ostativi alla mancata previsione ed organizzazione dell’attività di doposcuola, a titolo gratuito, per i bambini residenti a c/da Alvanite.

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Mancata partenza del servizio doposcuola per i bambini di contrada Alvanite, la consigliera Maria Picariello e il gruppo “Noi Atripalda” interroga il sindaco”

  1. o ha detto:

    secondo me il doposcuola non e’ necessario solo chi se lo puo’ permettere lo potrebbe avere: non farebbe parte dell’istruzione obbligatoria: dopotutto non siamo in regime di comunismo ma di libero mercato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *