Flash news:   Coronavirus, torna il contagio ad Atripalda: un residente positivo Ripulita la fontana in piazza Umberto e rimesso in funzione l’impianto di irrigazione. Foto Taglio del nastro ieri sera del “Parco Elio Parziale”, il dottor Sabino Aquino: «uno spazio di aggregazione, oasi di divertimento e interazione». L’impegno del vicesindaco Anna Nazzaro:«Auspico entro l’anno di intitolare l’Istituto comprensivo a lui». Foto Il prefetto e la dirigente regionale della Protezione civile premiano i volontari. Spena: «in una comunità bisogna essere coesi e guardare ai più fragili». Foto Dolore e commozione nella chiesa madre di Atripalda ai funerali di Gennaro Marena. Foto Addio a Gennaro Marena, lettera del comitato festa San Sabino: “la città di Atripalda perde un pezzo della sua storia” Sabato i biancoverdi partiranno per il ritiro di Roccaraso «Parco Elio Parziale», stasera l’inaugurazione dell’area a verde dedicata al compianto direttore: sarà aperto alle associazioni. FOTO Coronavirus, il prefetto Spena ad Atripalda per la consegna di civiche benemerenze ai volontari impegnati nella pandemia Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda, dal primo settembre la nuova dirigente scolastica è Antonella Ambrosone

Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online

Pubblicato in data: 27/4/2018 alle ore:14:13 • Categoria: Cronaca

I Carabinieri della Stazione di Atripalda hanno dato esecuzione ad un provvedimento emesso dal Tribunale di Avellino nei confronti di un trentenne con il quale è stato disposto l’aggravamento della Libertà Vigilata. Il giovane, noto truffatore seriale, attraverso numerosi alias, via internet avrebbe messo a segno centinaia di truffe. Moltissimi dunque gli utenti della rete caduti nella sua trappola, convinti di poter acquistare telefonini, tablet, consolle per videogiochi ed altro materiale ad un prezzo oltremodo conveniente: ignari del raggiro in cui sarebbero incappati, effettuavano il pagamento mediante il versamento dell’importo su una carta prepagata. Ricevuto il compenso pattuito, il truffatore però non inviava mai il materiale acquistato e si rendeva irreperibile. Attraverso una meticolosa analisi delle tracce informatiche e finanziarie, condotta sulla base di una rafforzata attenzione che il Comando Provinciale dei Carabinieri di Avellino da tempo riversa per tale odioso reato, gli investigatori risalivano all’identità del giovane di Atripalda. Sebbene già sottoposto a misure che espressamente gli impedivano l’utilizzo di strumenti informatici, ha continuato a perpetrare molteplici truffe, condotta questa che ha indotto il Magistrato di Sorveglianza di Avellino ad aggravare la misura della Libertà Vigilata con la trasformazione della stessa in Casa Lavoro per un periodo di due anni. Successivamente alle formalità di rito espletate in Caserma, il trentenne è stato tradotto nella Casa Circondariale di Avellino per il successivo trasferimento in apposita struttura. La collaborazione delle persone offese è stata fondamentale per l’attività d’indagine espletata dai Carabinieri e coordinata dall’Autorità Giudiziaria, consentendo così di evitare che il predetto portasse a compimento ulteriori truffe.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Dalla libertà vigilata alla casa lavoro: due anni al trentenne autore di centinaia di truffe online”

  1. hei ha detto:

    se ene stato kondannato vuol dire che sentenza è stata pubblicata allora fateci sapere kome si chiamerebbbbe..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *