alpadesa
  
Flash news:   Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate

Questione migranti, l’assessore Nancy Palladino risponde a Sinistra Italiana Atripalda: «andrò avanti per realizzare il sistema di accoglienza migranti ex Sprar, oggi Sipriomi. Condivisibili le critiche ma per la disubbidienza è prematuro»

Pubblicato in data: 16/1/2019 alle ore:12:00 • Categoria: PoliticaStampa Articolo

«Come assessore all’Integrazione andrò avanti per la mia strada al fine di realizzare questo sistema di accoglienza migranti ex Sprar, oggi Siproimi, sul territorio comunale per creare un sistema di integrazione che già ad Atripalda c’è». A parlare è l’assessore Nancy Palladino che risponde così alla nota di Sinistra Italiana Atripalda che aveva chiesto proprio all’esponente della Giunta Spagnuolo di farsi promotrice «con l’adesione anche da parte del sindaco di Atripalda alla disubbidienza civile al Decreto Sicurezza».
La Palladino ripercorre tutte le fasi che hanno portato dal Decreto Minniti a quello del Decreto Sicurezza del Governo Lega-M5S che entrerà in vigore domani. Lo Sprar nasceva con l’adesione del Comune del Sabato al protocollo d’intesa firmato nel dicembre 2017 a Napoli alla presenza dell’allora ministro dell’Interno Minniti. Con l’avvio dello Sprar ci doveva essere la dismissione dei due Centri di Accoglienza Straordinaria (Cas) presenti in città, uno in via Orto dei Preti e l’altro in via Mastroberardino che attualmente ospitano una trentina di immigrati, per fare posto poi allo  Sprar. «La nota di Sinistra Italiana arriva nei giorni in cui c’è stata l’aggiudicazione dello Sprar – prosegue -, che si chiamerà Siproimi, proposto dal Governo gialloverde e che sta per sistema di protezione internazionale. Mentre lo Sprar accoglieva chiunque fosse richiedente asilo, con gli immigrati che potevano trovare non solo vitto e alloggio, ma anche corsi professionalizzanti per inserirsi nel modo del lavoro e corsi di alfabetizzazione, nei Siproimi avranno posto solo i minori stranieri non accompagnati, ma la cosa più importante prenderanno posto solo tutti gli immigrati che godono di protezione internazionale».
Il problema per l’assessore all’Integrazione atripaldese non sarebbe perciò passare da Sprar a Sipriomi, ma sapere cosa si farà poi dei Cas: «Attendiamo dettati più chiari, la Prefettura resterà il nostro interlocutore primario, ma continueremo lungo la strada che abbiamo tracciato e indicato in modo chiaro. Nel Decreto Sicurezza non si fa minimamente menzione dello smantellamento dei Cas. Con gli Sprar si sarebbero chiusi i grandi centri di accoglienza straordinaria. Con i  Siproimi potranno convivere i Cas e i Cara? Su questo punto manca chiarezza e attendiamo il Governo. Questa è infatti la nota dolente  per cui i primi cittadini di Palermo, Napoli e altri hanno manifestato contro tale Decreto perché nel momento in cui sbarcano sul territorio migranti che non godono di protezione internazionale, dove saranno collocati visto che rappresentano un grosso problema per la sicurezza urbana?» si chiede la Palladino che  poi sull’invito alla disubbidienza di Si conclude: «Quello che voglio realizzare ad Atripalda non viene toccato dal Decreto Sicurezza per cui non vedo perche dobbiamo porre in atto la disubbidienza civile. L’atto di disubbidienza civile, condivisibilissimo, deve avvenire solo nel momento in cui ci sarà chiarezza sul Decreto Sicurezza. Ma dal momento che non c’è ancora nulla di certo e il comune di Atripalda sta andando avanti e non vedo la necessità di fare un atto così prematuro. La lamentele dei sindaci della grandi città sono condivisibili e vanno appoggiate, per quanto riguarda la sicurezza urbana perché non hanno strutture dove mettere i migranti che non hanno protezione internazionale. Questo creerà problemi di sicurezza urbana con persone che non sanno dove dormire o mangiare. Il rischio è di una polveriera che potrebbe esplodere. Ma questo non succede ad Atripalda dove c’è una convivenza e integrazione pacifica tra cittadini e migranti che sono ospitati nei due Cas esistenti».

Print Friendly, PDF & Email

Random Posts

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (4 votes, average: 4,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “Questione migranti, l’assessore Nancy Palladino risponde a Sinistra Italiana Atripalda: «andrò avanti per realizzare il sistema di accoglienza migranti ex Sprar, oggi Sipriomi. Condivisibili le critiche ma per la disubbidienza è prematuro»”

  1. Basito ha detto:

    Ma per favore…fino a quando non se li troveranno in casa! Basta siamo stanchi da chi continua a prendere in giro chi si arrampica sugli specchi da una vita per sopravvivere a malapena!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *