alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere” Forte pioggia e allagamenti in via Appia: città bloccata Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti» Buon compleanno al “vulcano” Antonio De Vinco Addio a Ciriaco Coscia, un pezzo della storia politica del Pci in Irpinia. Il ricordo dell’ex consigliere Andrea Montuori

Ripulita la Basilica Paleocristiana nel centro storico grazie alla Provincia

Pubblicato in data: 12/7/2019 alle ore:07:30 • Categoria: Attualità

Ripulita dalle erbacce la Basilica Paleocristiana di vico San Giovanniello nel centro storico di Atripalda. Dopo l’apertura ieri sera dei giardini di Palazzo Caracciolo, avvenuta grazie all’impegno della Provincia di Avellino con il presidente Domenico Biancardi che ha impegnato nei mesi scorsi una squadra di operai della Comunità Partenio-Vallo di Lauro, ieri è toccato all’area del centro storico di Capo La Torre che conserva i reperti dell’antica Basilica che fa parte dell’Abellinum Paleocristiana, palcoscenico negli anni scorsi anche della Via Crucis organizzata dalla Pro Loco.
Ad annunciare l’inizio e poi la conclusione dell’intervento, effettuato dalla Provincia, è stato il delegato ai lavori Pubblici Salvatore Antonacci, con tanto di foto sulla propria pagina di Facebook: «La Basilica Paleocristiana in tutto il suo splendore. Insieme al delegato Costantino Pesca…Scegliamo Atripalda!» » ribadendo così nel post l’impegno della lista che ha portato l’Amministrazione del sindaco Giuseppe Spagnuolo alla guida di Palazzo di città.  «Grazie agli operai della Provincia – prosegue Antonacci – abbiamo provveduto alla pulizia dell’area della Basilica Paleocristiana nel cuore del centro storico».
L’area ospita una necropoli, con tombe disposte su più livelli di sepolture, e un grandioso edificio a pianta basilicale, riferibile sia per l’impianto che per la tipologia delle strutture murarie ai primi decenni del IV d.C.. Area riportata anni fa a nuova vita grazie all’impegno dell’allora delegato alla Cultura Lello Barbarisi.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia

Inaugurata in via G. Dorso 1 ad Atripalda la sede dell'Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia. Alla presenza Read more

Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato

Come da programma è stato risolto il guasto all’impianto di Pianodardine. Da questa sera, 05 luglio, sempre seguendo i calendari in vigore nei Read more

Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere”

«L’Amministrazione ci ha risposto a tutto e ci mostrato tutti i progetti che stanno partendo. Da settembre dovremmo avere già Read more

Sinistra Italiana Atripalda lancia l’allarme: «Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti»

«Chiudono le banche, altro che Città dei Mercanti». Parte da qui il nuovo affondo all’Amministrazione Spagnuolo e alle sue politiche Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *