alpadesa
  
domenica 23 febbraio 2020
Flash news:   Coronavirus, avviso alla cittadinanza di Atripalda del sindaco Spagnuolo: “Comunicate i vostri spostamenti in questi ultimi 15 giorni da e verso le zone focolaio del virus in Italia e all’estero” Elezione presidente Consiglio d’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Atripalda, lettera aperta della componente genitori guidata da Lia Gialanella: “non ci è parsa una buona partenza” Coronavirus: il figlio rientra in Irpinia da Codogno, famiglia in quarantena a Montefusco Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia: “abbattimento dopo verifica tecnica e di un agronomo”. Foto Taglio pioppi in via San Lorenzo, scoppia la polemica sui social. L’attivista del M5S Antonello Di Guglielmo scrive su Facebook: “Ambiente punto di non ritorno” Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda: maxi debito in Consiglio con il piano di rateazione Avellino Calcio, Circelli: “pronto a rilevare le quote di Izzo e soci con nuovi imprenditori” Alvanite Quartiere Laboratorio, incaricata azienda di Ferrara di adeguare il progetto alla variata normativa energetica Foglio di via per due trentenni romeni sorpresi di sera a bordo di una grossa Bmw

Addio al professore Goffredo Napoletano, il “poeta scalzo”. Ecco il ricordo di Lello La Sala

Pubblicato in data: 15/1/2020 alle ore:10:27 • Categoria: CronacaStampa Articolo

Addio al professore  Goffredo Napoletano. Scompare il professore di Storia e Filosofia atripaldese all’età di 81 anni. Docente di storia e filosofia, scrittore, poeta, un intellettuale a trecentosessanta gradi. Avellino perde uno dei custodi di Collina della Terra, uno dei più profondi conoscitori del capoluogo dove viveva in via Seminario. Ecco un ricordo di Lello La Sala che ne traccia la figura: “Ci lascia appena ottantenne Goffredo Napoletano il professore, il filosofo, il poeta, il drammaturgo, voce e cuore di un mezzogiorno coraggioso e irriverente, colto e popolare. Fuori dal coro, sempre, innamorato delle sue città che amò con bruciante passione: la prima Atripalda che rappresentò carnale e plebea, l’altra l’Avellino antica (del rione Terra, del Seminario, del vociare dei vicoli e delle botteghe) che si andava malinconicamente spegnendo. Nume e custode, ‘maestro’ nelle aule e fuori, spesso incompreso. Caro, buon Goffredo, sentinella di luoghi e di parole antiche, le tue città dovrebero esserti grate, se conservassero il culto riconoscente della memoria. Una cerimonia di commiato, che vorrei gioiosa e lieve, dolce e solenne, nel Duomo di Avellino, domani (oggi ndr.) 15 gennaio, alle ore 16. In memoria”.

Alla famiglia giungano le più sentite condoglianze da parte di Atripaldanews.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *