Flash news:   S’infiamma lo scontro sui nuovi parcometri, l’ex sindaco Spagnuolo accusa: «Pacco, doppio pacco e contropaccotto dell’attuale Amministrazione comunale» L’ex sindaco Gerardo Capaldo regala la storia della Dc alla biblioteca comunale di Atripalda. Foto Pnrr, il Consorzio A5 di Atripalda lancia la campagna di ascolto del territorio “Cantiere Idee“ In Irpinia positive al Covid 542 persone: 15 residenti nel comune di Atripalda Passaggio a livello di via Appia: riunione tra Comune, Rfi e Regione Campania. Spagnuolo: “scelta la nostra proposta, sarà realizzato un ponte sopraelevato” Soppressione passaggio a livello di via Appia, Petracca: “risultato concreto, cosi siamo al fianco dei territori” Covid-19 nuovo aggiornamento, 513 positivi in Irpinia: 18 residenti nel comune di Atripalda Spagnuolo: «l’ex sindaco lasciò in regalo alla città un Comune sull’orlo del dissesto» Addio al professore Sabino Di Paolo, dolore in città Assunzioni al Comune di Atripalda, l’affondo di Paolo Spagnuolo: «solo annunci roboanti»

Accese le luci nella grotta “’A preta ra Maronna” donate dall’associazione “L’Argine”. Foto

Pubblicato in data: 8/12/2021 alle ore:14:29 • Categoria: Attualità

Ieri mattina presso la cappellina “’A preta ra Maronna” di Atripalda accese le luci natalizie nella grotta. All’appuntamento, alla presenza della parroco della chiesa madre don Fabio Mauriello, è intervenuto il vicesindaco Anna Nazzaro ed amici e componenti dell’ “L’Argine APS”, associazione di promozione sociale, presieduta da Tonino Acerra, che ha donato le luminarie. “Un piccolo segno per dare risalto a questo luogo così caro agli atripaldesi, in occasione della festa dell’Immacolata” commenta così Concetta Tomasetti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *