mercoled� 17 aprile 2024
Flash news:   Tragedia in via Appia, ventottenne di Mugnano muore stroncato da un infarto dopo una cena Restituzione deleghe Mazzariello, l’ex sindaco attacca: «l’amministrazione non ha visione e progettualità» Francesco Mazzariello restituisce le deleghe ai Lavori Pubblici e al Pnrr nelle mani del sindaco Paolo Spagnuolo La Scandone sconfitta a Piazza Armerina Avellino-Benevento, stasera lo stadio “Partenio-Lombardi” è sold out L’atripaldese Tonia Romano si ritira dall’Isola dei Famosi Un pozzo del tardo medioevo e una tegola con sigillo in lingua osca emergono dai saggi archeologici lungo rampa San Pasquale Aperto il cantiere di riqualificazione della fontana artistica di piazzetta Garibaldi Al via la prevendita del big match Avellino-Benevento Fiamme ad Atripalda in un’azienda che si occupa di riciclaggio di rifiuti

Attacco all’Amministrazione, la replica del capogruppo di maggioranza Del Mauro: “lasciamo alla città progetti veri, l’ex sindaco mente”

Pubblicato in data: 3/1/2022 alle ore:14:17 • Categoria: Attualità

«Mai bugia più grande è stata detta». Massimiliano Del Mauro, capogruppo di maggioranza di “Scegliamo Atripalda” respinge al mittente le accuse mosse dall’ex sindaco Paolo Spagnuolo all’Amministrazione guidata da Giuseppe Spagnuolo nel messaggio di auguri di fine anno.
«Capisco che lo stile di alcuni in campagna elettorale è incentrato sul dire bugie ma qui si supera il limite. La verità incontestabile, e se vuole al consigliere Spagnuolo la dimostriamo con documenti alla mano, e che loro non hanno lasciato un progetto, uno che sia uno».
Le accuse mosse dall’ex primo cittadino nei confronti di Geppino Spagnuolo, suo compagno di partito nel Pd, erano state molto dure. Secondo Paolo Spagnuolo i nuovi amministratori nei cinque anni sono stati “colpevoli” di aver fatto compiere passi indietro alla città «dopo una prima fase in cui l’amministrazione è riuscita ad andare avanti per inerzia, poi la macchina è stata messa a folle. Quando è finito tutto ciò che era stato lasciato dalla precedente amministrazione (la sua ndr.) la situazione ovviamente è degenerata».
Ma Del Mauro non ci sta e bolla come “bugie” le accuse di Paolo Spagnuolo. Alle critiche del capogruppo di “Noi Atripalda” l’assessore Massimiliano Del Mauro difende l’operato dei suoi collegi in Giunta e l’Amministrazione: «Quando ci siamo insediati la parola che aleggiava era dissesto. Abbiamo evitato che la situazione delle casse comunali precipitasse. Non abbiamo ereditato nulla dalla precedente amministrazione (quella di Paolo Spagnuolo ndr.). I conti li hanno ereditati cattivi e li hanno lasciati cattivi. Noi siamo riusciti a migliorarli grazie ad entrate straordinarie. L’imprinting che questa amministrazione lascia è un patrimonio di progetti che forse a qualcuno non farà piacere. Lasciamo alla nuova amministrazione una decina di progetti dal finanziamento per il nuovo stadio, all’edilizia scolastica, ai parcometri e alle strade. Discutere di questo significa voler discutere di dati che sono oggettivi e la verità è incontestabile. Parlano gli atti e i documenti».
A Del Mauro non va giù anche l’accusa di Paolo Spagnuolo che l’amministrazione «sia un circolo chiuso dove c’era il divieto d’ingresso ai cittadini» e replica «non è così sono forse loro una sorta di circolo chiuso. Noi siamo rimasti gli stessi di prima».
Un avvio quindi del nuovo anno segnato da un duro botta e risposta tra opposizione e maggioranza che fa salire l’asticella dello scontro politico cittadino, preludio ad una campagna elettorale per le amministrative di primavera che si preannuncia dai toni aspri e senza esclusione di colpi per la conquista di Palazzo di città.
Uno scontro tutto interno ai Democrat tra i due nuovi iscritti di via Tagliamento, l’uscente Geppino vicino alle posizioni del consigliere Maurizio Petracca e Paolo invece vicino a quelle del consigliere regionale Livio Petitto. Entrambi accomunati dal sostegno al neo presidente della Provincia Rino Buonopane e al governatore Vincenzo De Luca, ma pronti in città a sfidarsi colpo su colpo per la fascia tricolore. Salvo che dai piani alti del partito e di Palazzo Santa Lucia non si intervenga prima per scongiurare l’ennesima guerra intestina.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *