sabato 02 marzo 2024
Flash news:   Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto

Festa di San Sabino 2022, il sindaco Spagnuolo: “sinceri auguri alla comunità, grazie al vescovo Aiello per la sua vicinanza così lanciamo un segnale di rinascita”. Foto

Pubblicato in data: 9/2/2022 alle ore:15:54 • Categoria: Attualità

“Desidero formulare i miei più sinceri auguri all’intera comunità di Atripalda perché la festività di San Sabino, Patrono e Protettore della nostra Città, rappresenta uno dei momenti più intensi sia sotto l’aspetto della devozione, ma anche della partecipazione e della nostra identità. Ancor di più in un momento delicato come quello che stiamo attraversando, caratterizzato da un’emergenza sanitaria che continua ancora a preoccuparci”. È quanto dichiara il sindaco di Atripalda, Giuseppe Spagnuolo.

Ieri sera si è rinnovata la tradizione del “focarone” in onore di San Sabino alla presenza di S.E. Monsignor Arturo Aiello, Vescovo della Diocesi di Avellino, e dei sacerdoti don Fabio Mauriello e don Ranieri Picone. Oggi si rinnova la tradizione della Santa Manna, interrotta in seguito alla pandemia legata al Covid 19.

“Quest’anno – continua il primo cittadino – abbiamo voluto lanciare un segnale, costruire una speranza, fornire il simbolo della ripartenza possibile, una luce che è il segno tangibile della rinascita in cui tutti vogliamo e dobbiamo credere. Ecco perché abbiamo acceso il “Focarone” in piazza Umberto I ad Atripalda, con l’obiettivo di tenere viva una tradizione secolare e di farlo in totale sicurezza, rispettando, perciò, le norme ancora vigenti in termini di contenimento del contagio. L’auspicio è di poter tornare, già dall’anno prossimo, ad una riproposizione fedele della tradizione con i focaroni presenti in ogni quartiere della Città. Come ha detto il nostro Vescovo Arturo, la luce di questo fuoco saprà illuminare il nostro desiderio di tornare alla normalità, saprà scaldare la speranza di poterci finalmente riappropriare della nostra vita, della nostra socialità, di quella esigenza insopprimibile di ritrovarci.  La nostra comunità ce la farà, guarderemo avanti con fiducia. Perché ad attenderci c’è il futuro”.

“Desidero – così conclude il primo cittadino di Atripalda, Giuseppe Spagnuolo – ringraziare il Vescovo, monsignor Arturo Aiello. Insieme con i nostri sacerdoti, è emersa con forza la presenza della Chiesa, la sua vicinanza alla nostra comunità, quel desiderio di preservare devozione e tradizione. Sarà difficile dimenticare la luce ed il calore di questo focarone che è stato un segno tangibile di quella rinascita che tutti stiamo attendendo. Buon San Sabino a tutti gli atripaldesi”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *