sabato 26 novembre 2022
Flash news:   25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione Buon compleanno ad Angelo Fedele Festa dell’Albero, piantumati cinque ulivi nella villa comunale “Don Giuseppe Diana”. Foto Cimitero, l’Amministrazione punta a realizzare nuovi loculi Nuovo decoro alla tomba funeraria di epoca romana e alla basilica paleocristiana del centro storico. Foto

Covid 19, due morti al Moscati di Avellino: deceduta una 63enne di Atripalda

Pubblicato in data: 13/2/2022 alle ore:11:45 • Categoria: Attualità

È deceduto ieri sera, nella terapia sub-intensiva del Covid Hospital dell’Azienda Moscati, un paziente di 88 anni di Montella (Av), ricoverato dall’11 febbraio scorso.

È deceduta questa mattina, nella terapia intensiva del Covid Hospital, una paziente di 63 anni di Atripalda (Av), ricoverata dal 3 gennaio scorso in terapia subintensiva e trasferita in terapia intensiva il 29.

Nelle aree Covid dell’Azienda ospedaliera Moscati sono ricoverati 43 pazienti: 4 in terapia intensiva e 17 nella degenza ordinaria/subintensiva del Covid Hospital; 18 nell’Unità operativa di Malattie Infettive e 4 nell’Unità operativa di Pediatria della Città ospedaliera.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.