gioved� 22 febbraio 2024
Flash news:   Luigi De Magistris e Omar Suleiman a “Fortapàsc” per parlare di pace Riapre stasera dopo tre mesi “Jack Old Pub” nel ricordo di Giuseppe Nazzaro Pasquale Picone nuovo Questore di Avellino Carnevale in piazza sabato ad Atripalda: Mascarata, Zeza e Tarantella La Scandone Avellino rialza la testa e torna alla vittoria L’Avellino domani sera a Potenza dopo la disfatta in casa con il Messina Protesta per le strisce blu nel centro storico, l’ex assessore Prezioso: “l’Amministrazione accolga la petizione dei residenti” Rubata in piazza Cassese l’auto del vicesindaco Domenico Landi Reperti archeologici nel cantiere della nuova scuola Masi, l’assessore Labate: “i lavori non si sono mai fermati” Festeggiamenti San Sabino: domani sera l’accensione dei facaroni in città

Indennità di giunta, l’ex assessore Palladino all’attacco: «Avevamo questa possibilità da gennaio e non l’abbiamo fatto»

Pubblicato in data: 3/8/2022 alle ore:18:52 • Categoria: Attualità

«In questi mesi è circolata una grande falsità. Se uno decide di fare una cosa si deve assumere le proprie responsabilità e non dire che noi avevamo già la delibera pronta per aumentarci le indennità. Assolutamente non è così. Sono scelte politiche, c’è chi li fa e chi non li fa. Noi non l’abbiamo fatto, voi sì. Non entriamo nel merito, ma assumetevi la responsabilità delle scelte».

L’opposizione, attraverso l’ex assessore Nancy Palladino, affonda i colpi contro l’Amministrazione del sindaco Paolo Spagnuolo sul via libera all’assestamento generale e la salvaguardia degli equilibri di bilancio 2022-2024 e sull’adeguamento delle indennità di giunta e sindaco.

Oggi articolo su Il Mattino di Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *