venerd� 19 luglio 2024
Flash news:   Violento incidente tra due auto ieri sera sulla Statale Settebis Cambi e riorganizzazione della pianta organica al Comune di Atripalda Dolore e commozione per l’ultimo saluto all’ex consigliere comunale Emilio Moschella Atripalda, appuntamento con cinema e teatro: “Rive incantate lungo il fiume” Il torrente Salzola si tinge di rosa: nuovi scarichi abusivi nel tratto che attraversa Atripalda Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello”

Indennità di giunta, l’ex assessore Palladino all’attacco: «Avevamo questa possibilità da gennaio e non l’abbiamo fatto»

Pubblicato in data: 3/8/2022 alle ore:18:52 • Categoria: Attualità

«In questi mesi è circolata una grande falsità. Se uno decide di fare una cosa si deve assumere le proprie responsabilità e non dire che noi avevamo già la delibera pronta per aumentarci le indennità. Assolutamente non è così. Sono scelte politiche, c’è chi li fa e chi non li fa. Noi non l’abbiamo fatto, voi sì. Non entriamo nel merito, ma assumetevi la responsabilità delle scelte».

L’opposizione, attraverso l’ex assessore Nancy Palladino, affonda i colpi contro l’Amministrazione del sindaco Paolo Spagnuolo sul via libera all’assestamento generale e la salvaguardia degli equilibri di bilancio 2022-2024 e sull’adeguamento delle indennità di giunta e sindaco.

Oggi articolo su Il Mattino di Avellino

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *