Flash news:   Danneggiata l’auto di don Luca Monti parroco della chiesa madre di Atripalda Atripalda, Bacoli e Santa Lucia di Serino fanno squadra per la valorizzazione e promozione turistica dei territori Efficientamento energetico per la scuola primaria “Edmondo De Amicis” e la biblioteca comunale “Leopoldo Cassese” Atto vandalico all’auto del ds De Vito dopo la sconfitta a Messina: il comunicato dell’Us Avellino Nuovo presidente all’associazione di mutua assistenza “L’Indipendente” Festeggiamenti San Sabino 2023, tornano i focaroni nelle contrade: la Giunta fissa le modalità di autorizzazione semplificata Addio a Giovanni Romito, oggi il settimo nella chiesa madre Laurea specialistica alla Sapienza di Roma per la dottoressa Francesca Trezza Arrestato 43enne di Atripalda per “tentato furto aggravato” Maltempo, intervento dei Vigili del Fuoco anche ad Atripalda

Doppio ingresso alla “De Amicis” di Atripalda: lettera di protesta dalle famiglie

Pubblicato in data: 16/9/2022 alle ore:16:54 • Categoria: Attualità

Proteste dei genitori sulle modalità di ingresso differenziate alla scuola ”De Amicis” di Atripalda. Alcune famiglie hanno preso carta e penne e inviato una missiva alla Dirigente scolastica della scuola Primaria De Amicis, all’assessore con delega all’Istruzione Lello Labate e al Provveditorato degli studi con la quale si chiede una rettifica sulle modalità d’ingresso e uscita differenziati per famiglie con a carico più minori con età diverse.
«Richiediamo con somma urgenza una diversa e consona modalità di ingresso e uscita, in particolare per le famiglie che hanno a carico più di un minore, con età diverse, e dunque frequentanti classi diverse – scrivono le mamme dei piccoli alunni dell’istituto comprensivo -. Si trova completamente inadeguata e poco consona e calibrata la scelta del doppio ingresso anche perché non si ha presente l’enorme difficoltà che le famiglie vivono, la conciliazione dei tempi sembra essere sempre più minata e mai considerata, specie dalle Istituzioni Pubbliche».
Le mamme ci chiedono come «una madre, un padre, non autosufficiente, una madre sola magari con difficoltà anche lavorative (orari stringenti, permessi non garantiti), anziani (nonni, zii) fragili e con problematiche motorie, spesso non automuniti devono in che modo lasciare i bambini su due ingressi separati non adiacenti, non complementari e accessibili?». Da qui la richiesta di prendere in considerazione le questioni poste «il diritto di accesso alla sede non può essere messo in discussione per questioni meramente tecniche» Difficoltà, che secondo le scriventi, si riscuoteranno inevitabilmente sugli iscritti causando assenze e ritardi. «L’uscita autonoma non agevola affatto la questione in causa, anzi aumenta la paura di dover far attraversare un bambino da solo su una strada trafficatissima per un circa 300 metri, da Largo Buozzi a via Roma, quando la scuola dispone di due ingressi da via Roma». Si chiede nella missiva il rispetto del diritto allo studio e «la serenità delle famiglie sembra essere davvero un miraggio». Un’altra questione sollevata è quella delle deleghe «Non avendo riferimenti stabili e definiti non potrò mai delegare solo due persone, da quando i miei figli frequentano la scuola mi sono sempre dovuta attrezzare con una sfilza di delegati, proprio perché le famiglie, i rapporti, la quotidianità è cambiata, ma tutti noi dobbiamo provare a renderla migliore. Le  difficoltà poste sono comuni a diverse e numerose famiglie, residenti e non residenti nel comune di Atripalda».
Proprio il sindaco Paolo Spagnuolo unitamente all’Amministrazione Comunale, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico nel formulare ai dirigenti scolastici, ai docenti, al personale amministrativo e tecnico, agli studenti e alle famiglie, i migliori auguri «per un anno colmo di soddisfazioni, auspicandosi che sia l’occasione giusta per il tanto atteso ritorno alla normalità» ha posizionato dinanzi agli ingress9 di tutte le scuole atripaldesi striscioni di “Benvenuti”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.