Flash news:   Abellinum: centomila euro dalla Provincia di Avellino per l’illuminazione notturna ed eventi di Natale Trentenne di Atripalda denunciato dai Carabinieri per possesso di un coltello a serramanico Caro bollette, fondi dal Comune per le famiglie in difficoltà: domande entro venerdì 9 novembre Dipendenza da consumo di droga, alcol ed episodi di bullismo tra i giovani: convegno al Comune. Foto Laceno d’oro International Film Festival al via ad Avellino Addio a Gerardo Bianco, padre dell’Ulivo e grande meridionalista Elezione Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: pronta la stanza per la nuova figura istituzionale con scrivania e bandiere. Foto Scontro in aula per l’elezione del Presidente del Consiglio comunale di Atripalda: è Francesco Mazzariello. L’opposizione abbandona il parlamentino Caccia agli assegnatori morosi dei posteggi del mercato settimanale di Atripalda: revocate una decina di licenze Gestione del verde pubblico, il sindaco: «Puntiamo a prevedere, in base all’omogeneità degli interventi da fare, di dividere la città in più parti e dì sviluppare una serie di gare per gli affidamenti». foto

Scuola, partito il servizio mensa con il plesso della Pascoli pronto a riaprire agli alunni

Pubblicato in data: 13/10/2022 alle ore:15:50 • Categoria: Attualità

Partito il servizio mensa scolastica ad Atripalda con il plesso dell’Infanzia “Pascoli” che dopo numerosi rinvii si appresta finalmente ad essere riaperto agli alunni.

Si avvia a conclusione la riconsegna dell’edificio scolastico di via De Curtis, interessato da un lungo intervento di efficientamento energetico. Lavori per l’importo complessivo di 1.178.689,40 euro che hanno consentito di realizzare un cappotto termico con gli impianti di riscaldamento a pavimento all’immobile, che fa parte dell’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi”. Sostituiti anche gli infissi risolvendo così le problematiche che da anni affliggevano la scuola che presentava ambienti freddi, infiltrazioni di acqua piovana dal tetto e infissi vecchi.
Gli alunni delle due sezioni dell’Infanzia in questi anni di lavori sono stati trasferiti presso le aule della “Collodi” di via Nicola Adamo.
Intanto da lunedì scorso ha preso il via il servizio di mensa scolastica. «La mensa è partita in tutti i plessi e siamo felici di rendere operativo un servizio atteso da tante famiglie. Sarà, da parte mia, istituita anche la Commissione Mensa a maggior tutela dei genitori per vigilare sull’operato del committente e tenere un filo diretto con le esigenze degli utenti. Voglio ringraziare l’Ufficio Istruzione del Comune nelle persone della dottoressa Sonia Granato e del Capo settore dottoressa Katia Bocchino sempre attente alle esigenze dei più piccoli e delle famiglie» dichiara l’assessore all’Istruzione Lello Labate.
Cambiato anche l’orario delle attività didattiche. Per le scuole dell’Infanzia “Adamo”, “Pascoli” e “Collodi” dal lunedì al venerdì, dalle ore 08:00 alle ore 16:00. Per le cinque classi a tempo pieno della Scuola Primaria “De Amicis” (l1^D, 2^D, 3^D, 3^E e 4 D^) lezioni dal lunedì al venerdì, dalle ore 08:20 alle ore 16:20.
Il Comune del Sabato fornisce il servizio di refezione e trasporto scolastico utilizzando il sistema “Telemoney” per la gestione dei pagamenti, prenotazioni e rendicontazioni dei pasti del servizio di mensa per gli alunni. La prenotazione dei pasti è automatica. Avviene ogni giorno dalle ore 17 del giorno prima di erogazione del servizio. L’utente ha la possibilità di disdire il pasto dalle ore 18 del giorno prima alle ore 9 della mattina di erogazione. In assenza di credito e in assenza di pasti a debito, il pasto non viene prenotato.
Interessati dalla fruizione del servizio di mensa 225 bambini delle scuole Infanzia e Primaria.
La quota di compartecipazione al costo del servizio mensa per il singolo pasto p la seguente: con un’attestazione Isee inferiore a 6.100,00 euro non è prevista nessuna compartecipazione per i residenti mentre i non residenti dovranno sempre versare 3,75 euro per ogni singolo pasto. Tra 6.100,00 e 9.100,00 euro il costo è di 1,25 euro per pasto, sale a 2,25 euro tra 9.000,10 e 12.000,00 euro. Tra 12.000,00 e 15.000,00 euro invece si dovrà pagare 3 euro per ogni singolo pasto. Infine oltre 15mila euro costerà 3,75 euro. Prevista una riduzione del 50% per coloro, residenti e non, che usufruiranno del servizio mensa per il secondo figlio o ulteriori figli con attestazione Isee fino a 12.000,00 euro.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.