sabato 26 novembre 2022
Flash news:   25 novembre “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne“: l’appello dei Carabinieri Incendio alla cabina elettrica, riapre la scuola dell’Infanzia Pascoli. Foto 42° anniversario del terremoto del 23 novembre 1980: manifestazione a Palazzo di città Non si ferma all’alt dei Carabinieri e si schianta contro un’auto in via Gramsci: arresti domiciliari per 28enne in possesso di marijuana Anniversario del terremoto in Irpinia: domani 23 novembre “6.9” performance artistica di Matarazzo ad Atripalda Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione Buon compleanno ad Angelo Fedele Festa dell’Albero, piantumati cinque ulivi nella villa comunale “Don Giuseppe Diana”. Foto Cimitero, l’Amministrazione punta a realizzare nuovi loculi Nuovo decoro alla tomba funeraria di epoca romana e alla basilica paleocristiana del centro storico. Foto

Decoro urbano, il vicesindaco Landi: «Stiamo rispettando il cronoprogramma». Foto

Pubblicato in data: 16/10/2022 alle ore:08:58 • Categoria: Attualità

«Stiamo rispettando il cronoprogramma relativo al decoro urbano, provvedendo alla manutenzione straordinaria di diverse aree sia periferiche che del centro città». A parlare è il vicesindaco con delega al Decoro Urbano e all’Ambiente Domenico Landi che, nell’ambito del progetto “Periferie al centro”, con l’Amministrazione comunale ha provveduto alla manutenzione straordinaria della bretella di collegamento tra le contrade Alvanite e Novesoldi, via Cesinali compresa l’area degli alloggi Erp e la zona del Parco delle Acacie, compreso il sito archeologico “Mausoleo Funerario”.
«Nell prossime settimane lo stesso tipo di intervento interesserà – prosegue il vicesindaco – tra l’altro l’area della pista ciclabile e zone limitrofe».
Più volte negli anni i cittadini aveva denunciato sui social con post corredati da foto, lo stato di degrado e abbandono di alcune zone della cittadina del Sabato. Si partiva propria dalla bretella Alvanite-Novesoldi, strada di collegamento tra le due contrade atripaldesi, tra sacchetti di rifiuti abbandonati ed erbacce alte. Ricettacolo di rifiuti è divenuta nel corso del tempo anche la tomba romana ubicata nei pressi di parco delle Acacie. Un’evidenza archeologica di grande rilevanza divenuta purtroppo discarica. La tomba romana è collocata a poche centinaia di metri dal parco archeologico di Abellinum. Carta, plastica, sacchetti, contenitori d’asporto per la pizza, bottiglie di birra, secchi e stampelle facevano fino a pochi giorni fa bella mostra di sè. Uno sfregio e un oltraggio alla storia. Il sito archeologico è protetto da una tettoia e da una recinzione che non è però sufficiente a prevenire e scongiurare tali atti di inciviltà.
L’amministrazione ha anche proceduto al ripristino degli automezzi comunali. «l carroattrezzi hanno prelevato gli automezzi comunali, abbandonati e non più funzionanti da tempo, per consentirne il loro ripristino – conclude il vicesindaco Landi -. Lo scopo è quello di rivederli quanto prima in azione e a disposizione della manutenzione quotidiana della nostra bella città, sempre per migliorarne il decoro!».
Infine intervento di pulizia dei canali e caditoie della rotatoria di via Appia con il raccordo Av-Sa. L’amministrazione, coadiuvata dal responsabile dell’Ufficio tecnico comunale, geometra Felice De Cicco, ha provveduto giorni fa alla pulizia dei canali e delle caditoie della grande rotatoria di via Appia, poste in prossimità del raccordo Avellino-Salerno e ricadenti nella competenza del Comune del Sabato: «Tale intervento è stato considerato prioritario e necessario, al fine di scongiurare eventuali problemi dovuti a potenziali rischi di allagamento legati alle precipitazioni piovose tipiche della stagione autunnale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.