venerd� 21 giugno 2024
Flash news:   Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci “Amarsi Ancora“: la nuova campagna abbonamenti dell’Us Avellino 1912 Presentata “L’Irpinia Corre”, la gara podistica che si tiene ad Atripalda domenica 23 giugno. Foto Atripalda, finisce in carcere il 30enne denunciato dai Carabinieri per aver provocato danni a veicoli e automobilisti Torna “L’Irpinia Corre”, la storica gara podistica ad Atripalda domenica 23 giugno Europee, l’analisi del voto del circolo Fdi Atripalda Domenica a parco Acacie “Dedicato a chi non c’è più” IV edizione La Del Fes vince a Montecatini e approda in A2

Ponte delle Filande: primi passi verso la demolizione e ricostruzione

Pubblicato in data: 21/11/2022 alle ore:09:13 • Categoria: Attualità

«Primo passo concreto verso l’abbattimento del ponte delle Filande sul fiume Fenestrelle. I lavori della Provincia sono ufficialmente iniziati». Ad annunciare l’avvio delle opere propedeutiche per l’apertura del cantiere è il consigliere provinciale e comunale con delega ai Lavori Pubblici Francesco Mazzariello.
Il ponte, che si trova lungo via Pianodardine, più volte è finito al centro di esondazioni del torrente Fenestrelle. Durante i forti nubifragi infatti i grossi tronchi d’albero trascinati a valle dalla furia delle acque creano all’altezza del piccolo ponticello un tappo causando l’esondazione delle acque che puntualmente invadono le campagne circostanti di contrada Fellitto tra la paura dei residenti che si sono ritrovano isolati e nell’impossibilità di uscire da casa.

Una criticità che puntualmente si registra con il maltempo. Da qui l’intervento messo in campo dalla Provincia di Avellino che prevede l’abbattimento e la realizzazione di un nuovo ponte in struttura metallica a campata unica con la sistemazione idraulica del tratto fluviale e l’abbassamento del letto del fiume per circa due milioni di euro.
«Le operazioni propedeutiche all’abbattimento sono partite con l’installazione, su un lato del fiume, di un ‘rek’ in metallo – prosegue il consigliere Mazzariello -. Si tratta di una pilastratura orizzontale sulla quale passeranno le condotte idriche, quelle di Enel e i cavi telefonici di Telecom. Così, quando il ponte sarà smantellato, queste tre utenze potranno continuare a servire la zona fra Pianodardine ed Asi ed i territori di Atripalda».
Un intervento molto atteso dai residenti di contrada Fellitto che ad ogni maltempo subiscono la furia delle acque del torrente che esondando invadano le strade e le campagne circostanti procurando danni ingenti. Ogni nubifragio è vissuto con grande apprensione e preoccupazione dai cittadini.
E’ stato già da anni sottoscritto il contratto tra la Provincia e l’impresa che si è aggiudicata l’appalto per l’esecuzione dei lavori per la costruzione del nuovo Ponte delle Filande nel territorio del Comune di Atripalda. Per l’intervento la Provincia ha previsto un investimento complessivo di circa un milione di euro. Con l’apertura del cantiere si procederà con la demolizione dell’attuale ponte e con la realizzazione di una nuova struttura a campata unica. Si allargherà inoltre la sezione del corso d’acqua nel tratto. Un intervento risolutivo rispetto ai problemi di allagamento che si registrano da anni, con tutte le conseguenze derivanti per cittadini e aziende della zona. La zona che collega il Comune di Avellino con quello di Atripalda infatti è stata più volte teatro di numerose alluvioni ed esondazioni, presentando così un alto livello di pericolosità.

 

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *