sabato 04 febbraio 2023
Flash news:   Wifi gratuito all’interno della villa comunale “Don Giuseppe Diana e del Municipio Misericordia di Atripalda, oltre ventimila euro dal cinque per mille Spaventoso incidente stradale all’alba lungo la Variante Giulio Regeni, oggi Laika inaugura la “panchina gialla” dei diritti umani ad Atripalda Ciclismo, rinnovo di sponsorizzazione per il team Eco Evolution Bike Aore il cantiere per la demolizione e ricostruzione della scuola media Masi Ciclismo, il team Eco Evolution Bike si arricchisce di un nuovo partner L’Avellino a Potenza nel segno del nuovo attaccante Michele Marconi Poste Italiane presenta il progetto Polis: nella capitale anche il sindaco di Atripalda Dogana dei Grani, al via nuovi lavori di messa in sicurezza delle facciate

Torna il servizio di raccolta dell’olio vegetale esausto e novità in arrivo per il servizio di spazzamento

Pubblicato in data: 29/12/2022 alle ore:17:47 • Categoria: Attualità

Torna il servizio di raccolta dell’olio vegetale esausto con nuovi e cassonetti e novità in arrivo per la raccolta dei rifiuti in città. A seguito delle numerose sollecitazioni dei cittadini, l’Amministrazione comunale ha proceduto al ripristino del servizio di raccolta dell’olio vegetale esausto attraverso l’installazione di nuovi cassonetti dislocati in diverse aree della città quali via Marino Caracciolo, nella parte retrostante al mercatino rionale, via San Nicola, via Pianodardine, all’interno di parco delle Acacie e in via Appia all’altezza del passaggio a livello. Il nuovo sistema prevede una doppia modalità di conferimento: mescita di olio sfuso oppure deposito della bottiglia contente l’olio. L’amministrazione raccomanda ai cittadini che hanno accumulato importanti quantità di olio esausto di conferirli gradualmente.
Il vicesindaco con delega all’Ambiente e Decoro urbano Domenico Landi spiega: «Questa scelta unisce le finalità legate alla cura dell’ambiente e del decoro urbano, nonché risponde alla diversa esigenza di conferimento. Confidiamo nella collaborazione dei cittadini e nel loro senso civico al fine di rispettare le finalità di conferimento che riguardano esclusivamente olio vegetale e non quello minerale ed evitare l’abbandono di eventuali contenitori o altra tipologia di rifiuti nei ressi degli stessi cassonetti».
Sulla raccolta rifiuti invece il vicesindaco chiarisce la posizione del comune: «Dopo lo stop che abbiamo avuto per il cambio del management di Irpiniambiente siamo in attesa del passaggio della società presso l’Ato e dovremo riprendere il ragionamento aperto sulla raccolta notturna, sul servizio di conferimento e raccolta. Dobbiamo capire anche a che punto è il finanziamento sulle compostiere e cassonetti a scomparsa. Abbiamo ricevuto un finanziamento per cinque cassonetti a scomparsa». Sullo spazzamento il Comune è stato sempre critico sulla gestione: «il nostro obiettivo è di valutare costi e benefici e quindi di valutare l’opportunità di gestire in proprio il servizio di spazzamento. Il comune di Avellino è un caso a sé perché la legge consente al capoluogo di provincia di avere una gestione autonoma. Noi chiaramente non abbiamo questa possibilità ma gestire per bene e migliorare il servizio di smaltimento e spazzamento con Irpiniambiente è un impegno personale del Comune e c’è la volontà di gestire anche per conto nostro lo sfalcio dell’erba. Anche qui valuteremo bene i costi per procedere direttamente alla gestione del verde pubblico».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.