domenica 23 giugno 2024
Flash news:   Il sindaco Spagnuolo verso Fi, il segretario cittadino Pd Malavena: ”condotta ambivalente” Lesioni colpose ed omessa custodia di animali, tre rinviati a giudizio: 57enne assalito da due pitbull si costituisce parte civile Rissa al bar di via Appia: tutti assolti Estorsione e incendio di auto: affidamento in prova per atripaldese Convegno del Gruppo Archeologico La Civita presso la chiesa di San Nicola False dichiarazioni:processo da rifare per atripaldese Emergenza caldo, il Consorzio A5 attiva un numero verde Ponte delle Filande, si assembrano le travi metalliche: a luglio l’apertura Finanziato il progetto di realizzazione di un nuovo asilo nido in via Adamo Furto in una tabaccheria di via Appia: rubati i Gratta e Vinci

Municipalizzata, scaduta la consultazione pubblica per la costituzione di una società in house a totale controllo comunale

Pubblicato in data: 9/1/2023 alle ore:17:54 • Categoria: Attualità

E’ scaduto oggi l’avviso di consultazione pubblica per la costituzione di una società in house a totale controllo pubblico. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Paolo Spagnuolo, in attuazione delle linee programmatiche di mandato, punta a costituire una società in house a totale controllo pubblico per l’effettuazione dei servizi di pubblica utilità. Si chiamerà “Azienda Comunale Multiservizi Srl” con dicitura abbreviata “ACM Srl” e avrà sede presso il Municipio. Lo schema di atto deliberativo consiliare, con i relativi allegati, sono consultabili sul sito istituzionale dell’Ente.
Un passaggio necessario e dettato dalla legge prima dell’approdo in Consiglio comunale.
«Sarà un consiglio comunale monotematico – anticipa la fascia tricolore – che convocherò nei prossimi giorni. Andremo in aula già la prossima settimana».
Il sindaco Spagnuolo, come sull’istituzione della presidenza del parlamentino cittadino con l’elezione del consigliere Francesco Mazzariello, ora ingrana la quinta per raggiungere l’obiettivo di dar vita anche nella cittadina del Sabato ad una municipalizzata a cui affidare diversi servizi pubblici «la società in house non è un aggravio di costi, ma andiamo a garantire molti servizi che già sono garantiti oggi all’esterno, con costi sicuramente superiori, ma soprattutto e questo preme più a noi, con un’efficienza molto ma molto discutibile. Oggi invece abbiamo dei servizi che non sono offerti o sono offerti male e con ritardo. Perciò lo facciamo nell’esclusivo interesse dei cittadini. Tra qualche anno ci ritroveremo una città cambiata e migliorata» ha più volte ribadito il primo cittadino in questi mesi nel tentativo di stoppare le polemiche dell’opposizione.
La giunta nel mese di settembre aveva anche approvato l’atto di indirizzo. Una scelta voluta dal sindaco Paolo Spagnuolo che ad Avellino è alla guida proprio di una società comunale l’Azienda Città Servizi Srl Unipersonale.
La società in house si occuperà di gestione e manutenzione del patrimonio comunale e dei servizi correlati, di piccola manutenzione delle aree comunali compreso il verde pubblico e attività ausiliarie e di supporto ai servizi comunali, pulizia degli immobili e di aree pubbliche, gestione e manutenzione del cimitero comunale, servizi integrati di controllo della sosta a pagamento, servizi di sorveglianza e custodia ed infine servizi di gestione ordinaria dei tributi e servizio affissioni.

All’albo pretorio di Palazzo di città, alla proposta di deliberazione del consiglio comunale per la costituzione della società in house, è allegata una Relazione illustrativa dove oltre ad una premessa, alle finalità da perseguire e alle condizioni di carattere generale, tecnico-specifico e di sostenibilità economica è allegato anche il Piano Economico Finanziario (Pef).

«A fronte di una spesa corrente complessiva media dell’ultimo triennio di 356.173,16 euro la costituzione ed il funzionamento della costituenda società comunale determinerà nel 2023 un incremento di spesa di 245.034,29 euro compensato, però, da un incremento di entrate di 401.913,24 euro e, quindi, genererà un vantaggio complessivo a favore del bilancio del Comune di Atripalda di 156.878,95 euro» scrive il Responsabile Finanziario dell’Ente, dottor Paolo de Giuseppe, che conclude così assicurando che: «è economicamente conveniente e sostenibile dal punto di vista economico e finanziario; persegue i principi di efficienza, di efficacia e di economicità dell’azione amministrativa».

Avrà un capitale sociale di 30mila euro e gli organi sociali saranno l’assemblea dei soci e un Amministratore Unico, oppure l’assemblea potrà anche nominare un Consiglio d’amministrazione e un Amministratore delegato.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *