sabato 04 febbraio 2023
Flash news:   Wifi gratuito all’interno della villa comunale “Don Giuseppe Diana e del Municipio Misericordia di Atripalda, oltre ventimila euro dal cinque per mille Spaventoso incidente stradale all’alba lungo la Variante Giulio Regeni, oggi Laika inaugura la “panchina gialla” dei diritti umani ad Atripalda Ciclismo, rinnovo di sponsorizzazione per il team Eco Evolution Bike Aore il cantiere per la demolizione e ricostruzione della scuola media Masi Ciclismo, il team Eco Evolution Bike si arricchisce di un nuovo partner L’Avellino a Potenza nel segno del nuovo attaccante Michele Marconi Poste Italiane presenta il progetto Polis: nella capitale anche il sindaco di Atripalda Dogana dei Grani, al via nuovi lavori di messa in sicurezza delle facciate

Trasloco scuola media Masi nell’ex Centro Pmi, le accuse dell’ex sindaco: «L’Amministrazione buca clamorosamente il primo vero appuntamento serio»

Pubblicato in data: 9/1/2023 alle ore:18:23 • Categoria: Attualità

«L’Amministrazione buca clamorosamente il primo vero appuntamento serio al quale era stata chiamata. Un obiettivo che conosceva bene sin dal giorno del suo insediamento». Scoppia la polemica politica sull’ordinanza del sindaco Paolo Spagnuolo che fa slittare al 16 gennaio la riapertura della scuola media “Masi” di via Pianodardine interessata dal trasloco presso i nuovi locali di via San Lorenzo. La chiusura di un’ulteriore settimana dalla ripresa regolare delle lezioni, fissata inizialmente a lunedì 9, è legata ai ritardi con i quali si stanno allestendo i nuovi spazi da adibire ad aule presso l’ex Centro Pmi.
Un’ordinanza che ha subito suscitato le critiche dell’opposizione. «E’ abbastanza sconcertante quello che sta avvenendo sulla riapertura della scuola media “Masi” – commenta l’ex sindaco Giuseppe Spagnuolo -. A due giorni dalla riapertura ufficiale, fissata per il 7 gennaio, come succede in tutta la regione Campania, viene fuori questa ordinanza con la quale si fanno perdere allegramente otto giorni di scuola, senza valide motivazioni e altri imprevisti, ma per completare il trasferimento delle suppellettili della scuola. Una decisione che lascia basiti dopo che soltanto pochi giorni fa, in Consiglio comunale, sia il sindaco che l’assessore delegato Labate, entrambi baldanzosi, avevano assicurato una riapertura non per il 7 ma almeno per il 9 gennaio». L’ex fascia tricolore accusa che il trasferimento era noto da sette mesi «da quando si sono insediati sapevano bene che andava fatta questa attività. Questo è il segno della superficialità con la quale si affrontano i problemi seri di questa città. Questa volta a farne direttamente le spese sono le famiglie dei ragazzi atripaldesi».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.