sabato 04 febbraio 2023
Flash news:   Wifi gratuito all’interno della villa comunale “Don Giuseppe Diana e del Municipio Misericordia di Atripalda, oltre ventimila euro dal cinque per mille Spaventoso incidente stradale all’alba lungo la Variante Giulio Regeni, oggi Laika inaugura la “panchina gialla” dei diritti umani ad Atripalda Ciclismo, rinnovo di sponsorizzazione per il team Eco Evolution Bike Aore il cantiere per la demolizione e ricostruzione della scuola media Masi Ciclismo, il team Eco Evolution Bike si arricchisce di un nuovo partner L’Avellino a Potenza nel segno del nuovo attaccante Michele Marconi Poste Italiane presenta il progetto Polis: nella capitale anche il sindaco di Atripalda Dogana dei Grani, al via nuovi lavori di messa in sicurezza delle facciate

Nell’ex mattatoio in via Ferrovia un “Polo informativo e formativo per la Raccolta differenziata”.

Pubblicato in data: 11/1/2023 alle ore:20:06 • Categoria: Attualità

Il Comune di Avellino ha trasmesso al Ministero gli elaborati del progetto esecutivo che prevede il recupero dell’ex sede del mattatoio comunale di via Ferrovia destinato ad ospitare il “Polo informativo e formativo per la Raccolta differenziata”. Circa 9 milioni l’investimento con i fondi del PNRR. Il programma parte dalla riqualificazione dell’intera area dell’ex mattatoio, a poche centinaia di metri dalla stazione ferroviaria e da Atripalda. Negli oltre 5mila metri quadri di struttura e piazzale verranno allestiti spazi attrezzati per l’attività formativa e di ricerca, con aule per workshop e convegni, ma anche laboratori per il monitoraggio ambientale, in particolare delle matrici ambientali con riferimento ad acqua, suolo e aria.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.