sabato 04 febbraio 2023
Flash news:   Wifi gratuito all’interno della villa comunale “Don Giuseppe Diana e del Municipio Misericordia di Atripalda, oltre ventimila euro dal cinque per mille Spaventoso incidente stradale all’alba lungo la Variante Giulio Regeni, oggi Laika inaugura la “panchina gialla” dei diritti umani ad Atripalda Ciclismo, rinnovo di sponsorizzazione per il team Eco Evolution Bike Aore il cantiere per la demolizione e ricostruzione della scuola media Masi Ciclismo, il team Eco Evolution Bike si arricchisce di un nuovo partner L’Avellino a Potenza nel segno del nuovo attaccante Michele Marconi Poste Italiane presenta il progetto Polis: nella capitale anche il sindaco di Atripalda Dogana dei Grani, al via nuovi lavori di messa in sicurezza delle facciate

Iniziati i lavori per l’apertura al traffico veicolare del ponticello di collegamento tra Via Santi Sabino e Romolo e Piazza Giovanni XXIII. Il sindaco: “momento storico per Atripalda”. Foto

Pubblicato in data: 13/1/2023 alle ore:09:14 • Categoria: Attualità

Partiti i lavori per l’apertura al traffico veicolare del ponticello che collega via Santi Sabino e Romolo e Piazza Giovanni XXIII.
Da ieri mattina la ditta ha aperto il cantiere per procedere alla realizzazione delle opere necessarie per l’avvio della sperimentazione di riapertura al traffico veicolare del ponticello sul fiume Salzola che collega via Santi Sabino e Romolo con piazza Giovanni XXIII e la commerciale via Circumvallazione. Un’apertura del tratto stradale in forma sperimentale e provvisoria. Sul cantiere presente il sindaco Paolo Spagnuolo accompagnato dal vice Mimmo Landi e dagli assessori Lello Labate e Antonio Guancia.
«Questo è un momento certamente storico per Atripalda. La chiusura di questa strada risale a trenta o quaranta anni fa. E non ho mai compreso il motivo poi della mancata riapertura perché rispetto al momento della chiusura la città e questa zona è completamente cambiata – commenta la fascia tricolore -. Oggi qui abbiamo un ufficio postale e sono presenti fortunatamente delle fiorenti attività commerciali che non potevano restare ostacolate da questa chiusura, che oggi non aveva più senso». Spagnuolo rivendica poi che «oltre ad un fatto storico siamo veramente di fronte a corsi e ricorsi storici, perché già nella mia precedente esperienza amministrativa c’era questa intenzione. Furono infatti effettuati tutti i saggi necessari per poter dimostrare che la riapertura sarebbe stata in assoluta sicurezza. E quindi, di conseguenza, oggi abbiamo questa opportunità».

Una riapertura in un solo senso di marcia, esclusi autocarri, procedendo in entrata da via Aversa ed in uscita su via Circumvallazione. Una scelta per decongestionare il traffico. «Abbiamo ascoltato le attività commerciali e anche i residenti proprio pochi giorni fa e ci siamo resi conto che le ipotesi rispetto alla viabilità possono essere molteplici. Per il momento siamo qui ad asfaltare via Santi Sabino e Romolo, e anche questa è una notizia importante per i residenti. Faremo lo stesso per piazza Giovanni XXIII perché stiamo parlando di due strada che negli anni non hanno ricevuto alcuna manutenzione. E sono due strade centralissime. Siamo convinti che si tratti di una scelta giusta. Adotteremo una delle molteplici ipotesi in via sperimentale, fermo restando che siamo certi che l’apertura darà soddisfazione a tutti e sarà utile per tutti non solo alle attività commerciali ma anche all’utenza delle poste. E aggiungo che anche i residenti trarranno giovamento perché al di là della manutenzione di questa via e piazza, bisogna dire che anche il parcheggio presente a piazza Giovanni XXIII non si può definire tale. Era una giungla e anche su questo aspetto bisognava intervenire per dare maggiore decoro a questa città».

Oltre al rifacimento del manto stradale, della regimentazione delle acque ci sarà la realizzazione, là dove è necessario, dei marciapiedi e degli attraversamenti pedonali. Sui tempi dell’avvio della fase sperimentale il sindaco conclude: «saranno brevi. Purtroppo dovevamo iniziare già l’altro ieri ma poi l’allerta meteo si è tradotta in pioggia che non avrebbe consentito i lavori che si stanno facendo ora. Perciò non saranno tempi lunghi. Non vediamo l’ora di poter osservare da cittadini che tutta un’area centrale ritorni al suo antico splendore e alla sua funzionalità. Peraltro ci siamo resi conto che gli spazi sono notevoli rispetto a quando erano presenti paletti e catene».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.