domenica 03 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Canile di Atripalda, dopo l’ispezione dei Nas e i controlli dell’Asl il Comune rimuove le criticità

Pubblicato in data: 20/3/2023 alle ore:14:56 • Categoria: Attualità

«Siamo subito intervenuti dopo l’ispezione dei Nas e quella dell’Asl per rimuovere le criticità evidenziate al canile municipale». A parlare è Andrea Montuori, capogruppo di maggioranza e delegato alla tutela degli animali e del canile di contrada Valleverde dopo l’operazione effettuata dai Carabinieri dei Nas a fine gennaio scorso, quando di concerto con il Ministero della Salute, hanno effettuato una intensa attività di controllo, che ha interessato l’intero territorio nazionale, nei canili pubblici e privati, al fine di accertare la corretta conduzione delle strutture ed in particolare lo stato di benessere degli “amici a quattro zampe”. Le criticità emerse riguardavano l’ambulatorio veterinario.
La struttura comunale di 1500 mq. ospita oltre 100 cani. A prendersi cura di loro i volontari dell’Aipa (Associazione Italiana Protezione Animale), sezione di Atripalda, sotto la direzione del Servizio Veterinario dell’Asl di Atripalda. L’associazione gestisce il canile municipale di contrada Valleverde tra mille difficoltà e carenze di risorse economiche.
Più volte i volontari hanno dovuto fronteggiare grandi difficoltà facendo salti mortali per assistere i cani. Non sono mancati gli appelli. Una situazione spesso drammatica perché sono centinaia i cani da sfamare e assistere ogni giorno con medicinali da comprare, veterinario da pagare e materiali necessari per la pulizia e manutenzione della struttura.
«L’ispezione dei Nas, avvenuta in tutte le strutture provinciali e successivamente quella dell’Asl presso la struttura di contrada Valleverde ha evidenziato alcune criticità – chiarisce Montuori -, a partire dalla necessità di adeguare la stessa alle disposizioni richiamate nella Legge regionale dell’11 aprile 2019. Per questo motivo, il Comune si è subito attivato per stipulare un contratto con la ditta S.A.I.T per il servizio di derattizzazione e disinfestazione contro ectoparassiti nonché per la disinfestazione adulticida e disinfezione».
Inoltre il Comune del Sabato ha stipulato un contratto con la ditta “Pezzolla Ambiente” per il servizio di prelievo, trasporto e smaltimento dei rifiuti pericolosi e non pericolosi.
«Abbiamo sanato altre criticità, in primis quella legata all’ambulatorio. A riguardo, abbiamo dotato uno dei locali del canile di scrivania, sedie e armadio nonché di un frigorifero. Sempre nell’ambulatorio è stato montato un lavabo che consentirà la produzione di acqua calda. Infine è stata acquistata altra strumentazione medica che arriverà a breve e consentirà al direttore sanitario di lavorare al meglio per garantire ai nostri amici a quattro zampe il benessere che meritano» conclude Montuori.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *