venerd� 19 luglio 2024
Flash news:   Violento incidente tra due auto ieri sera sulla Statale Settebis Cambi e riorganizzazione della pianta organica al Comune di Atripalda Dolore e commozione per l’ultimo saluto all’ex consigliere comunale Emilio Moschella Atripalda, appuntamento con cinema e teatro: “Rive incantate lungo il fiume” Il torrente Salzola si tinge di rosa: nuovi scarichi abusivi nel tratto che attraversa Atripalda Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello”

La Corte dei Conti dà parere negativo sulla costituzione della municipalizzata ad Atripalda

Pubblicato in data: 11/4/2023 alle ore:14:26 • Categoria: Attualità

La Corte dei Conti dà parere negativo sulla costituzione della municipalizzata.
La sezione regionale di controllo per la Campania, composta dal presidente Massimo Gagliardi, e dai primi referendari Emanuele Scatola (relatore) e Ilaria Cirillo, nella camera di consiglio dello scorso 30 marzo, ha pronunciato la deliberazione n.91 pubblicata ieri mattina, con la quale boccia la decisione dell’amministrazione del sindaco Paolo Spagnuolo di voler costituire una società in house a totale controllo pubblico per l’effettuazione dei servizi di pubblica utilità. Ventuno pagine in tutto che decretano lo stop alla costituenda “ACM – Azienda Comunale Multiservizi Srl”.
Tra le contestazioni sollevate nel parere i giudici scrivono che la costituzione «è sganciata da qualsiasi ancoraggio ad elementi concreti e valutabili da questa Sezione. Il che integra una violazione dell’obbligo di motivazione analitica in ordine al carattere strettamente necessario della costituzione di tale società per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali e alla sussistenza dei presupposti per procedere all’affidamento in house, cui la costituzione della Società in esame è preordinata». Carenze riscontrate nella sostenibilità finanziaria «va richiamata la necessità che l’atto deliberativo di acquisizione di partecipazione sia quanto meno suffragato dallo sviluppo di un approfondito Business Plan dell’attività di impresa che si intende proseguire». Per la Corte «l’istruttoria si appalesa come carente e appare del tutto inadeguata a sorreggere la scelta di costituire la società in house, sotto il profilo della convenienza economica e della sostenibilità finanziaria». Critiche anche per il piano economico finanziario presente che «è scarno e lacunoso: le previsioni di maggiori entrate appaiono inattendibili e l’incremento delle spese è chiaramente sottostimato. La chiara inadeguatezza del piano economico-finanziario non consente di effettuare uno scrutinio effettivo e puntuale in ordine alla sostenibilità finanziaria e alla convenienza economica dell’operazione». L’Amministrazione, nonostante il parere negativo incassato, può procedere ugualmente alla costituzione ma «è tenuta a motivare analiticamente le ragioni per le quali intenda discostarsi dal parere della magistratura contabile e a darne pubblicità».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *