marted� 05 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Solenne ricognizione canonica dei Santi Martiri di Abellinum: don Luca racconta la storia di Ippolisto

Pubblicato in data: 16/4/2023 alle ore:15:31 • Categoria: Attualità

La storia racconta che Sant’Ippolisto il primo maggio del 303 d.C. sferrò una predicazione sul monte capitolino, dinanzi agli abitanti di Abellinum, radunati per il giorno di festa per il Dio Giove in cui doveva essere immolato un toro con le corna dorate «Ippolisto fu legato alla coda del toro che lo trascinò dal monte fin giù alle sponde del fiume Sabato, dove fu ucciso a colpi di scure e decapitato – racconta don Luca Monti parroxo della chiesa madre di Atripalda -. Le autorità della città decretarono che il suo corpo doveva restare disseppellito. Ma nella notte due matrone, battezzate dallo stesso santo, ne raccolsero il corpo seppellendolo in una spelonca, da cui Specus, di loro proprietà, dall’altra parte del fiume Sabato che è il santo Specus. I romani il giorno dopo non trovando il corpo di Ippolisto iniziarono una persecuzione e vennero uccisi addirittura bambini».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *