venerd� 01 marzo 2024
Flash news:   Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time” A caccia di fondi il Distretto Diffuso del Commercio “ComUnity” “Atripalda che verrà, dialogo con la Città”, l’opposizione domani avvia un confronto L’appello di Luigi De Magistris e Omar Suleiman da “Fortapàsc”: “Stop al genocidio in Palestina”

Concluse le analisi sui resti mortali di Sant’Ippolisto e gli altri due martiri bambini Ireneo e Crescenzo

Pubblicato in data: 18/4/2023 alle ore:23:27 • Categoria: Attualità

Sono terminate oggi le analisi sui resti mortali di Sant’ Ippolisto e gli altri due martiri bambini Ireneo e Crescenzo.
Il tempo a disposizione è stato poco, ma il lavoro è stato intenso presso il reliquiario della chiesa madre di Atripalda dei Santi Martiri di Abellinum Ippolisto e compagni.
Il team di esperti composto dai Medici Legali Carmen Sementa, Francesco La Sala e Alessandro Santurro, dal dentista Sergio Brogna e dalla nota antropologa e odontologa forense Chantal Milani affiancata dalla bioarcheologa Francesca Motta esperta in archeologia cristiana, ha lavorato incessantemente per fornire i primi risultati:
“Le analisi preliminari sono state complesse perché i resti sono frammentati e non completi, ma le età degli individui sembrano confermare le fonti storiche. In paricolare le ossa del piccolo Ireneo”.
In questi giorni le ossa sono state suddivise, catalogate, misurate, fotografate e documentate e ora la parrocchia si occuperà dell’adeguata esposizione dei sacri resti.
“Le ossa raccontano molto dell’individuo a cui sono appartenute, ma studiare la morte serve per onorare la vita e conservarne la memoria” continua la dottoressa Milani che, oltre ai numerosissimi casi giudiziari ha già lavorato su diversi Santi fra cui San Giovanni Vincenzo, San Mercuriale vescovo di Forlì e su personaggi storici fra cui Dante e Raffaello.
I dati preliminari, quindi, sembrano confermare parte delle fonti documentali e restiamo in attesa di ulteriori sviluppi. Chissà che presto Sant’Ippolisto non riesca ad avere anche un volto.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *