marted� 16 luglio 2024
Flash news:   Il Presidente della Repubblica ha concesso la grazia al dottore Carlo Iannace Madonna del Carmelo, niente festa civile quest’anno ad Atripalda Sospiro di sollievo ad Atripalda: Roberto ritrovato a Napoli Sabato presentazione del nuovo libro di Andrea Perciato Sabato 27 luglio allo stadio Partenio–Lombardi secondo Memorial “Sandro Criscitiello” Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti”

Sinistra Italiana Atripalda attacca l’Amministrazione: “in città un evidente deficit di confronto ed ascolto”

Pubblicato in data: 18/5/2023 alle ore:14:07 • Categoria: Politica, Sinistra Arcobaleno
Chiusa la bella parentesi del Giro d’Italia che ci ha coinvolti e appassionati tutti, ora è necessario evitare distrazioni su questioni importanti.
Innanzitutto, ci auguriamo che l’effetto positivo in termini di manutenzione delle strade e del verde possa diventare una regola piuttosto che l’eccezione in occasione di eventi rari. 
Quella di questi ultimi giorni è stata peraltro un’eccezione che ha dimenticato aree disastrate del centro cittadino solo perché non direttamente sotto i riflettori della manifestazione ciclistica. 
Insomma, anche nei casi eccezionali sarebbe bene evitare di sistemare solo il salotto buono per gli ospiti e lasciare il caos nella stanza a fianco.
Dispiace constatare l’assenza totale di dibattito in città, di confronto, di voci critiche. La democrazia ha bisogno di contrappesi, di dialettica anche aspra, altrimenti non è democrazia. 
L’ascolto di tutte le idee non deve essere evitato come un fastidio, ma favorito e promosso come un arricchimento.
Esemplare è la questione del parere consultivo negativo della Corte dei Conti in merito alla costituzione dell’Azienda Comunale Multiservizi in house. 
Su tale questione anche l’intera minoranza in Consiglio Comunale ha espresso motivatamente netta contrarietà addirittura prima della Corte dei Conti. 
Troppi sono i dubbi sulla ricaduta in termini di costi sulla collettività e non si dimostra una maggiore efficacia ed efficienza nei servizi di gestione del verde e delle manutenzioni. 
Il Sindaco, noncurante di tutto ciò, esprime la determinazione di proseguire comunque nel percorso avviato.
Altra iniziativa dove c’è stato un evidente deficit di confronto ed ascolto è la nuova destinazione della piazza Papa Giovanni XXIII, diventata un’intricata quanto pericolosa gimcana di strade che lambiscono gli edifici. 
L’opera è stata attuata per successive approssimazioni, senza una progettazione pubblicamente condivisa, in un‘area non destinata dal PRG vigente a viabilità pubblica e parcheggio pubblico.
E’ mai stata approvata una variante al piano e la dichiarazione di pubblica utilità dell’opera?
Ma forse l’iniziativa che più risente della mancata condivisione è stata l’istallazione dei due orrendi gabinetti pubblici fuori terra collocati tra la riva del fiume Sabato e il principale monumento di Atripalda, la Dogana dei Grani. 
Tutto questo per “valorizzare” la Dogana e per “valorizzare” la sponda del fiume Sabato? 
Esiste un limite agli interventi pubblici di “decoro urbano”, ancor di più in pieno centro cittadino!
Possibile che nessuno abbia suggerito un intervento meno impattante?  
Il consenso, per quanto largo, non può mai autorizzare a disinteressarsi del parere dei cittadini o peggio ancora a pensare che il proprio operato sia al disopra di ogni controllo.
Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *