marted� 05 marzo 2024
Flash news:   Migliorare la sicurezza stradale e riqualificare arterie urbane: protocollo d’intesa tra i comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Contrada e Mercogliano Al centro culturale Fortapàsc il professore Giovanni De Feo presenta il suo nuovo libro “Tuttù-cià” Si presenta il progetto “Circoli Rifugio – Più Corridoi per la Libertà” Oggi presentazione del volume di Lucio Fiore Il sindaco replica così alle accuse dell’opposizione: «Risponderò ai cittadini con i fatti» Quadro dell’Annunciazione, il delegato Barbarisi: «lo riporteremo a casa» Avellino-Catania, al via la prevendita per la gara di mercoledì 6 marzo L’opposizione attacca l’Amministrazione e l’Acm “tra un po’ ha più dipendenti del Comune”. Foto Piazza d’onore per la ciclista Annalisa Albanese alla Gran Fondo Sorrento Scontro in Consiglio sull’approvazione della convenzione per il nuovo segreterio comunale, Musto: “Atripalda merita un full time”

Rischiò di annegare intrappolato nell’auto in un sottopassaggio di Mercatello: settantenne atripaldese vince la causa contro il comune di Salerno

Pubblicato in data: 16/7/2023 alle ore:17:02 • Categoria: Attualità

Il settantenne atripaldese Renato Venezia ha vinto la causa civile contro il comune di Salerno ed ha ottenuto un risarcimento danni di circa 3 mila euro. La notte del 7 ottobre 2018 l’atripaldese rischiò di annegare intrappolato nella propria autovettura nei pressi del sottopassaggio ferroviario a Mercatello di Salerno, completamente allagato a causa di un forte temporale. Il sig. Venezia, assistito dai legali di fiducia Gerardo De Vinco e Sabino Rotondi, ha affrontato un processo di 5 anni per vedere finalmente riconosciuto il suo diritto al risarcimento dei danni materiali e morali patiti quella terribile notte. Il Giudice di Pace di Salerno dott.ssa Sessa De Prisco ha ritenuto infondate le difese prodotte in giudizio dall’ avvocato del Comune di Salerno il quale  sostenevache l’atripaldese quella notte piovosa dovesse arrestare la marcia per la presenza di un semaforo collocato nei pressi del sottopassaggio, Invero, però, nel processo sono stati ascoltati alcuni testimoni che hanno dichiarato che  il semaforo quella notte era spento. I legali De Vinco e Rotondi hanno dimostrato in giudizio che il Comune di Salerno era tenuto alla manutenzione ed alla custodia dil sottopassi ed avrebbe dovuto prevedere l’evento dannoso in quanto quel sabato la protezione civile aveva diramato una allerta meteo di colore giallo ed aveva raccomandato ai comuni di controllare e vigilare i sottopassi stradali per il pericolo di allagamenti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *